23 Settembre 2019 - Aggiornato alle 21:36
SPORT
Zurigo-Napoli: 1-3. Ipotecata la qualificazione agli ottavi
15 Febbraio 2019 00:04 —

Buona la prima. Carlo Ancelotti bagna il suo debutto assoluto in Europa League con un successo che, di fatto, ipoteca la qualificazione agli ottavi di finale del suo Napoli. Un 3-1 in trasferta che avrebbe potuto essere decisamente più rotondo, Una gara non brillantissima, quella dei partenopei, bravi a gestire il risultato dopo il doppio vantaggio che aveva proiettato la sfida in discesa; il primo tempo di 90’ è, quindi, andato e tra una settimana al San Paolo basterà gestire l’enorme vantaggio per staccare il pass. La differenza di valori in campo si è vista nitidamente, il palleggio del Napoli di un’altra categoria, con gli uomini di Ancelotti sovrani a centrocampo e sulle fasce, merito soprattutto delle sovrapposizioni di Malcuit e Ghoulam sugli esterni, con Callejon e Zielinski a tagliare il campo ed a creare più danni di un uragano. Eppure il tappo dello champagne è stato stappato dallo Zurigo stesso, suicidatosi con un errore tra portiere e difensore ed un Milik più rapace di un falco, capace rubare il pallone e servirlo ad Insigne per l’1-0. È il primo gol di Lorenzo il Magnifico con la titolarità della fascia da capitano al braccio e la rete gli regala una carica ed una motivazione supplementare, quasi una dinamo che gli dura fino a quando non esce dal campo. Ottima l’intesa tra lui ed Arek, ne ha beneficiato tutta la squadra, anche se gli errori in fase di finalizzazione non sono certo spariti, anzi. Il tris rifilato ad una squadra nettamente inferiore – dal punto di vista della tecnica e della qualità – ha solo parzialmente mascherato un problema visibile anche in Svizzera; la partita poteva finire con quattro-cinque reti di scarto, ed è un aspetto che ha evidenziato anche Ancelotti nel post gara, evidentemente non contento di questa situazione. Re Carlo, infatti, sa benissimo come nella competizione europea ogni singolo gol può essere decisivo, determinare o meno la qualificazione. D’altronde i partenopei si sono già scottati in questa stagione; l’eliminazione in Champions League è arrivata proprio per colpa di un gol e ripetersi non è proprio la migliore delle mosse. L’obiettivo, infatti, è arrivare in fondo alla competizione, provare a vincere il trofeo e rendere la stagione indimenticabile; ecco perché sarà necessario lavorare ancora su quest’aspetto per raggiungere la perfezione quanto prima. Il gol incassato non deve destare preoccupazione, in quanto il rigore concesso agli elvetici era inesistente. Il VAR, ancora una volta, è mancato tantissimo ed ha dimostrato anche stasera come sia necessario e fondamentale in ogni competizione. Tornando al Napoli, deve suonare come campanello d’allarme il calo di concentrazione nei minuti finali; i partenopei hanno rischiato anche di incassare la seconda rete e solo un grande intervento di Meret ha evitato il peggio. Sarebbe stata una beffa clamorosa rovinare una buona gara; errore imperdonabile che una formazione come quella partenopea non deve commettere. Serviranno solo piccoli ritocchi ma le premesse per arrivare a Baku sono buone.

Giovanni Spinazzola

15 Febbraio 2019 00:04 - Ultimo aggiornamento: 15 Febbraio 2019 00:04
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi