23 Giugno 2017 - Aggiornato alle 05:17
CRONACA
Napoli: In trasferta ad Avellino per svaligiare appartamenti. Arrestati all'alba dopo un rocambolesco inseguimento
22 Novembre 2016 11:30 — Operazione dei carabinieri della Compagnia di Mirabella Eclano e dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Avellino.

I Carabinieri della Compagnia di Mirabella Eclano hanno tratto in arresto un pregiudicato 30enne della provincia di Napoli, ritenuto responsabile di furto aggravato in concorso. Nelle prime ore dell’alba, a seguito di comunicazioni pervenute alla 112 da parte di cittadini vittime di alcuni furti perpetrati in Montemiletto e Pratola Serra, i Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino attuavano un collaudato dispositivo per la ricerca di un’utilitaria con a bordo due giovani. Poco dopo i militari dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Avellino intercettavano il veicolo segnalato che alla vista della Gazzella invertiva il senso di marcia e scappava via. Ma il maldestro tentativo andava ad infrangersi contro il tranello tesogli dalle altre pattuglie, disposte in modo da bloccare le vie di fuga dei malviventi. Quindi, agganciati da personale della Radiomobile di Mirabella Eclano, terminavano la corsa all’altezza dell’ingresso del comune di Pratola Serra dove il veicolo segnalato veniva bloccato dai Carabinieri: il conducente veniva tratto in arresto mentre il passeggero riusciva a far perdere le tracce nella campagna circostante. All’interno dell’autovettura venivano rinvenuti numerosi attrezzi da lavoro custoditi in valigette, una motosega nonché una costosa bicicletta da corsa, il tutto asportato nella notte in abitazioni di Montemiletto e Pratola Serra. L’arrestato, pregiudicato 30enne della provincia di Napoli, su disposizione della Procura della Repubblica di Avellino veniva ristretto presso le camere di sicurezza del Comando Compagnia di Mirabella Eclano, in attesa del giudizio direttissimo che verrà celebrato nella mattinata di domani presso il Tribunale di Avellino. L’intera refurtiva è stata riconsegnata ai legittimi proprietari mentre l’autovettura, di proprietà dell’arrestato, è stata sottoposta a sequestro in quanto utilizzata per commettere i reati e perché sprovvista della regolare copertura assicurativa. Sono tuttora in corso le ricerche del secondo malvivente che potrebbe avere le ore contate.

Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi