22 Agosto 2017 - Aggiornato alle 22:26
CRONACA
Atitech: Sindaco disinformato su nostra azienda. Lo quereliamo e citiamo per danni
22 Novembre 2016 18:46 — Così Gianni Lettieri si Facebook.

"Mi segnalano che il sindaco di Napoli, ancora una volta, su una sua pagina Facebook si è reso responsabile di dichiarazioni false, lesive e offensive nei confronti di Atitech. Siamo costretti a querelarlo e a citarlo per danni per difendere il buon nome della società, il generoso impegno di tutti i nostri lavoratori e collaboratori, e gli ingenti investimenti privati che hanno permesso di risanare un’azienda che, solo qualche anno fa, era sull’orlo del fallimento, mentre oggi è la prima per numero di occupati della nostra città. Tutte le principali sigle sindacali e le istituzioni sovracomunali, dalla Regione Campania al Governo Nazionale, di qualsiasi colore politico, nel corso di questi 7 anni di nostra gestione, hanno espresso parole di assoluto elogio. Solo il sindaco di Napoli, accecato dall’odio verso la proprietà di Atitech, continua a sputare veleno. Fortunatamente la credibilità di cui gode questo personaggio è talmente bassa, a tutti i livelli, da non creare preoccupazione all’azienda, tuttavia ricorriamo alle vie legali per evitare che qualche sprovveduto possa credere a quanto dichiarato dal sindaco. Ciò premesso, colgo l’occasione per ribadire che immediatamente dopo l’acquisizione del ramo d’azienda di Alenia Finmeccanica Capodichino, abbiamo dato corso a tutte le attività previste e disciplinate dall’accordo, tra cui l’avvio dei corsi di formazione di tutto il personale per l’ottenimento della certificazione necessaria per l’opera di manutenzione degli aeromobili e la progettazione dei lavori da eseguire per gli allestimenti degli hangar così da consentire l’ingresso degli aerei a lungo raggio (A330 e B777). Inoltre sottolineo che, dal 2016, negli hangar ex Alenia vi è la presenza di aerei su cui viene effettuata regolare manutenzione. Proprio nel momento in cui sto rispondendo alle falsità diffuse dal sindaco, nell’hangar 15 ex Alenia (vedi foto allegata al post) sono in manutenzione 2 aerei lungo raggio 767 e un aereo corto raggio di una compagnia iraniana. Nel contempo, si sta completando un hangar per conto della Guardia Costiera per la sorveglianza degli immigrati a mare. Infine, a dispetto di quanto erroneamente riportato dal sindaco, non vi è alcuna riduzione del personale e, in linea con gli accordi sottoscritti con Alenia Finmeccanica, con il completamento degli investimenti riferiti agli allestimenti degli hangar e al percorso di formazione del personale tutti verranno impiegati nelle manutenzioni degli aerei a medio e lungo raggio. Non so il sindaco da dove attinga queste informazioni, ma se davvero avesse a cuore le sorti dell’imprenditoria e del mondo del lavoro napoletano, si preoccuperebbe di verificare direttamente con il management delle società lo stato di salute delle stesse. Probabilmente, invece, preferisce continuare con un clima di perenne campagna elettorale del quale si assume la responsabilità e le conseguenze. Noi in questi anni abbiamo risanato Atitech, tutelando centinaia di lavoratori e relative famiglie e salvando una delle principali aziende del mezzogiorno. Sono fiero del mio investimento in quest’azienda – per la quale non ho ricevuto neppure un euro pubblico – e del lavoro quotidiano di tutti i miei collaboratori e di tutte le maestranze che ringrazio per la professionalità e l’abnegazione: siete la Napoli che produce e che fa bene a Napoli. Da parte sua il sindaco in 6 anni ha portato il Comune al predissesto - anzi sull’orlo del dissesto economico e finanziario – e aumentato le tasse al massimo. Non solo, durante la sua amministrazione i livelli occupazionali sono calati paurosamente e sono aumentate le famiglie che vivono al di sotto della soglia di povertà. Sono cose per le quali non dovrebbe dormire la notte, e dovrebbe, anzi, lavorare h24 per trovare soluzioni adeguate. Il sindaco dica cosa ha fatto per accompagnare il percorso di risanamento di Atitech. Dica cosa ha fatto per stare vicino a tutte le imprese napoletane in difficoltà che stanno chiudendo, mandando a casa, loro malgrado, centinaia di persone. Dica cosa ha fatto per creare posti di lavoro, oltre che garantire l’impiego ai suoi familiari, ai suoi staffisti ed al suo clan politico. Infine stiamo ancora aspettando di capire come vive il fratello che dichiara reddito zero: uno scandalo monumenta…le". E' quanto scrive Gianni Lettieri su facebook.

Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi