22 Agosto 2017 - Aggiornato alle 22:26
CRONACA
L’attentatore di Berlino ucciso in sparatoria con Polizia a Milano
23 Dicembre 2016 11:47 — Nello scontro a fuoco uno degli agenti è rimasto ferito ad una spalla e ora è ricoverato nell’ospedale di Monza.

Sparatoria questa notte tra gli agenti di una volante e Anis Amri, l’autore della strage di Berlino, durante un controllo in piazza Primo Maggio a Sesto San Giovanni (Milano). Nello scontro a fuoco uno degli agenti è rimasto ferito ad una spalla e ora è ricoverato nell’ospedale di Monza, mentre l’aggressore è rimasto ucciso. Il fatto è accaduto verso le 3 nelle vicinanze della Stazione ferroviaria dove i poliziotti hanno fermato l’uomo che invece di prendere i documenti dal suo zainetto ha estratto una pistola e ha sparato al capo pattuglia colpendolo alla spalla. Con la pronta reazione dell’altro agente ne è nato un conflitto a fuoco in cui il fermato è rimasto ucciso. Anis Amri che non aveva documenti con sé, girava con una calibro 22 pronta a far fuoco. La sua identità è stata accertata tramite i rilievi fatti dalla Polizia scientifica intervenuta sul posto subito dopo il fatto. Il ministro dell’Interno Marco Minniti nella conferenza stampa ha ringraziato i due giovani agenti di polizia, Christian Morio e Luca Scatà, che nella notte hanno intercettato l'attentatore: "Interpreto il sentimento del Paese dicendo ai due poliziotti che l'Italia è a loro grata". Il ministro ha espresso la sua più "totale soddisfazione" e ha aggiunto: "Noi guardiamo a questi due ragazzi come persone straordinarie e di giovane età che facendo semplicemente il loro dovere hanno fatto un servizio straordinario alla comunità".

Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi