23 Agosto 2017 - Aggiornato alle 23:24
POLITICA
Napoli: Città Metropolitana, consiglio sciolto per mancanza di numero legale
30 Dicembre 2016 18:47 — Cascone (M5S): "Irresponsabilità da parte del Sindaco nella gestione monocratica del potere".

Si è appena sciolto il Consiglio metropolitano convocato in via d'urgenza da parte del sindaco De Magistris a causa della mancanza del numero legale. Stesso copione, rispetto alla scorsa seduta, è andato in scena nel palazzo di Santa Maria la Nova ma, stavolta, al primo appello, avvenuto (ormai come di consueto) dopo un'ora dall'orario di convocazione fissato alle ore 14:30, il portavoce M5S Danilo Cascone ha abbandonato l'aula .Abbandono avvenuto dopo che il Sindaco, constatata la presenza di appena 12 componenti (con le assenze totali di PD e Forza Italia), aveva proposto un secondo appello dopo 15 minuti.Il tempo per De Magistris di strappare un accordo in extremis con i coordinatori provinciali di PD e Forza Italia al fine di assicurarsi un dietro-front dei partiti (sul piede di guerra) e garantirsi i numeri in aula per poter avviare finalmente i lavori. Queste le dichiarazioni del Consigliere Cascone: "Oggi ero in aula esclusivamente per dovere istituzionale. Il Sindaco ha dato nuovamente dimostrazione di mancare di rispetto alle Istituzioni e ai gruppi politici presenti in Città metropolitana. A nulla valgono gli appelli alla responsabilità se si costringe il Consiglio ad approvare provvedimenti di estrema importanza, in assenza di un percorso di condivisione, durante l'ultimo giorno dell'anno. Per di più sforando puntualmente gli orari di convocazione di sedute che vengono aggiornate di volta in volta dallo stesso Sindaco a suo uso e consumo. Per questo motivo ho preferito, stavolta, abbandondare l'aula ribadendo al primo cittadino, seduta stante, la necessità, non più derogabile, di dover voltare pagina e permettere a questo Ente di decollare. Diversamenti da altri partiti non siamo interessati a poltrone o incarichi vari, distribuiti nei giorni scorsi attraverso incontri ristretti. L'unico nostro interesse risiede semplicemente nel rispetto delle regole finalizzato esclusivamente all'interesse generale della collettività. In questo il Sindaco potrà trovare sempre in noi un valido appoggio."

Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi