01 Maggio 2017 - Aggiornato alle 00:37
SPORT
Napoli-Real Madrid: Ordine dei Giornalisti risponde a De Laurentis "dichiarazioni gravi e inaccettabili”
08 Marzo 2017 12:55 — Il Napolista controcorrente e provocatorio: "Siamo tutti juventini".

Dopo le polemiche innescate dal Presidente De Laurentiis nel dopo partita di ieri sera, non tarda la risposta da parte dell’Ordine dei Giornalisti, che attraverso le parole del segretario nazionale Paolo Pirovano e del consigliere della Federazione Nazionale della Stampa Pierfrancesco Gallizzi definisce le dichiarazioni di De Laurentiis “gravi e inaccettabili”. Aggiungendo: “Affermazioni fuori luogo che fanno male al Napoli calcio, a Napoli città e all’Italia intera. C’è da augurarsi che, a freddo, De Laurentiis chieda scusa”. Citare ed etichettare juventino, poi, il giornalista della Gazzetta dello Sport Mimmo Malfitano, nel momento in cui ha subito l'ultima intimidazione proprio pochi giorni fa, è stata una caduta di stile. Non a caso su uno dei quotidiani online più autorevoli e seguiti sul calcio Napoli, il Napolista, oggi, a firma di Massimiliano Gallo, titola "De Laurentiis soffia sul fuoco e alimenta a Napoli la sindrome di accerchiamento" e "nella settimana dell’intimidazione al giornalista Malfitano, è grave che il presidente parli di lui come juventino. A Napoli si sta creando un clima di accerchiamento culturale", concludendo l'articolo così: "e lo scrive chi pensa che spesso Napoli sia bistrattata dai cosiddetti giornali del Nord. Ma di fronte a un atto intimidatorio, bisogna fare un passo indietro. È una direzione che non comprendiamo". Inutile dire che anche nello studio di Premium, ieri sera, dove le esternazioni sono state fatte, si è creato un clima di imbarazzo totale e ci è voluto una grandissima dote di professionalità e di pazienza da parte del giornalista Sandro Sabatini per arginare lo sproloquio in corso. Arrigo Sacchi in studio, sinteticamente e con il sorriso sulle labbra ha chiuso l'argomento con "è un guerrafondaio". 

Antonio Pianelli  

Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi