27 Luglio 2017 - Aggiornato alle 18:48
CRONACA
Ransomware: Sono nuovi e sono una minaccia
28 Giugno 2017 12:53 —

È innegabile che ormai parte della nostra vita si svolga in rete, tra social, caselle di posta elettronica e siti Internet. L’evoluzione della nuova ICT ha senza dubbio abbattuto quelle barriere fisiche che per secoli hanno impedito all’essere umano di andare oltre le proprie possibilità. Oggi, con Internet tutto sembra possibile. Tuttavia, agli innumerevoli benefici ottenuti con tali innovazioni non sono di certo mancate nuove possibili criticità. Oggi, infatti, si parla tanto di Privacy a rischio, Fake News e virus globali. Per quanto attiene alla minaccia di virus diffusi a livello globale, sempre più a rischio sono le aziende e persone che utilizzano lo strumento informatico come supporto essenziale per il proprio lavoro. Nemmeno a Napoli infatti sono mancati casi di ransomware, ovvero virus che entrano velocemente nei propri database per rubare tutti i dati e cifrarli in maniera tale da essere sostanzialmente illeggibili ed inutilizzabili dai legittimi proprietari. Il prezzo per riavere indietro parte della propria vita privata e lavorativa è un riscatto in denaro espresso in bit-coin, una moneta informatica difficilmente tracciabile e reperibile dalle autorità. Soltanto ieri un nuovo Ransomware diffuso a livello globale ha mandato in tilt i terminali di circa 2.000 organizzazioni ed aziende private in Europa (Ucraina, Francia, Regno Unito) e Stati Uniti. Gli esperti del settore lo hanno chiamato con diversi nomi, come GoldenEye o NotPetya, e ne hanno cercato soprattutto di definirne l’entità e la pericolosità. A differenza degli altri ransomware diffusi in precedenza, quest’ultimo pare essere più aggressivo e con una capacità di diffusione più veloce rispetto ai precedenti, mediante un attacco ai sistemi informatici più conosciuti e diffusi come ad esempio Windows, ed alla capacità di diffondersi rapidamente ai computer vicini. Nonostante l’apprensione a livello globale, ad oggi pare che l’Italia non sia stata ancora colpita da tale virus. Tuttavia, come avviene per il mondo intero, siamo a rischio di un possibile coinvolgimento.

A,P,

Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi