23 Ottobre 2019 - Aggiornato alle 09:16
SPORT
Ancelotti: "Ho fiducia nella mia squadra, abbiamo mezzi e convinzione per poter passare il turno"
10 Dicembre 2018 20:34 —

Carlo Ancelotti, tecnico del Napoli, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match di Liverpool.

"Ho fiducia nella mia squadra, abbiamo mezzi e convinzione per poter passare il turno".

Quale sarà la chiave tattica del match?

"Sappiamo e immaginiamo bene ciò che farà il Liverpool. Conosciamo la loro intensità, ma dobbiamo pensare principalmente a cosa vogliamo noi. Se siamo intelligenti in fase difensiva e incisivi in fase offensiva abbiamo ottime possibilità di qualificarci".

“Abbiamo il conforto del match di andata come parametro. Però non sappiamo se riusciremo a ripetere quella prestazione. Certamente non aspetteremo il Liverpool ma cercheremo di giocare come sappiamo fare. C’è fiducia e convinzione nei nostri mezzi e nella nostra potenzialità. In campo dipenderà molto da noi, ma anche da come si esprimerà il Liverpool. Ma certamente non staremo lì ad attendere che loro ci attacchino. Sinora abbiamo affrontato le gare del girone con grande personalità. C’è da compiere l’ultimo step e crediamo di poterlo fare anche su un campo molto difficile quale l’Anfield”.

Klopp ha parlato di arbitraggio.

“Mah, un arbitro può essere determinante se commette degli errori. A me capitò di essere eliminato col Bayern per sviste arbitrali. Però c’è massima fiducia, anche per l’esperienza del direttore di gara che abbiamo domani”.

Ha già in mente la formazione?

“Non l’ho ancora decisa”.

Cosa dirà domani alla squadra prima dell’inizio della sfida?

“Quello che dico nello spogliatoio non me lo preparo, arriva al momento ed è frutto delle sensazioni che ho. Di certo c’è la felicità e l’orgoglio di giocare una del genere su un grande palcoscenico internazionale”.

Questa gara può decidere la dimensione della stagione del Napoli?

"No, questa partita non è uno spartiacque per capire quanto siamo forti. Non mi serve il match di domani per comprendere il valore della mia squadra. È una gara che ci dirà se passeremo il turno. Poi la nostra stagione andrà avanti o con la Champions League, oppure senza. Ma questo gruppo continuerà a fare il suo percorso in tutte le competizioni che avremo da disputare”.

“Domani ci giochiamo uno scontro diretto con un piccolo vantaggio di classifica. Dobbiamo mettere la ciliegina, perché la torta l’abbiamo già costruita”.

Il clima dell'Anfield, notoriamente caldissimo per sostegno ai Reds, è un avversario in più da combattere?

"Non credo sia condizionante il contesto. Sicuramente l’Anfield è uno degli stadi più caldi e suggestivi del mondo, ma è bello anche per noi giocare in un clima così. E poi ci saranno anche 3000 napoletani con noi domani sugli spalti che ci sosterranno, oltre a 40 milioni di sostenitori azzurri che tiferanno per noi a casa”

 

Accanto al tecnico, nella classica conferenza di vigilia a due voci imposta dalla UEFA, c’era Raul Albiol, grande ex nonché l’uomo con più esperienza internazionale.

"Sappiamo benissimo che qui ad Anfield sarà una sfida durissima, ma domani possiamo giocarcela alla pari con le nostre forze. Non abbiamo timore di affrontare il match, conosciamo le difficoltà, però siamo anche consapevoli di cosa possiamo dare noi".

 

"Bisognerà essere veloci di gambe e di testa, il Liverpool è una squadra che fa della rapidità una delle sue maggiori capacità. Saranno aggressivi sin dall'inizio e noi dovremo essere pronti a giocare a ritmo alto”.

Dobbiamo essere compatti e stretti in campo per non lasciare spazi ai loro inserimenti. Ci vorrà una grande prestazione di squadra e siamo fiduciosi di potercela fare".

"Quello che è certo è che siamo orgogliosi di stare qui e non vediamo l'ora di giocare una partita così bella. Abbiamo lavorato tanto per arrivare qui in testa al girone e adesso ci vorrà l'ultimo sforzo".

"Dobbiamo andare in campo con la stessa personalità mostrata all'andata, ci vorrà pazienza, bisogna lottare minuto per minuto ma avere anche la concentrazione e la serenità per imporre il nostro gioco".

Giovanni Spinazzola

10 Dicembre 2018 20:34 - Ultimo aggiornamento: 10 Dicembre 2018 20:34
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi