23 Ottobre 2019 - Aggiornato alle 09:44
SPORT
Universiadi: Nel sesto giorno arriva una pioggia d'oro per l'Italia
10 Luglio 2019 08:46 — Scherma, tiro, nuoto e atletica.

Sesto giorno per l’Italia e pioggia di oro; ben quattro medaglie delle più pregiate, infatti sono state conquistate dagli azzurri nella scherma, nel tiro e nel nuoto, sport autentici serbatoi ma anche nell’atletica, non proprio il punto di forza dell’Italia. Guillaume Bianchi, Francesco Ingargiola e Damiano Rosatelli hanno centrato la medaglia più importante nel fioretto maschile, Chiara Di Marziantonio l’ha conquistato nel tiro al piattello femminile e Silvia Scalia nei 50 dorso. Ha chiuso la giornata d’oro Daisy Osakue nel lancio del disco femminile. A questi va aggiunto l’argento dell’Italia nella staffetta 4x200 stile libero maschile. L’Italia, ora, nel medagliere conta ben 33 medaglie (10 ori, nove argenti e 14 bronzi) ed è sesta, dietro a Giappone (47 in totale, 21 ori, 13 argenti e 13 bronzi), Cina (22, 16 ori e sei argenti), Stati Uniti (37, 15 ori, 12 argenti e 10 bronzi), Corea del Sud (35, 12, 10 e 13) e Russia (55, 10 ori, 20 argenti e 25 bronzi).   

Nelle gare del pomeriggio è subito grande delusione alla piscina Scandone; Alisia Tettamanzi, miglior tempo nelle semifinali degli 800 stile libero femminili, ha chiuso solo al sesto posto. Mai veramente in gara, partita malissimo, la Tettamanzi è arrivata fino alla quarta posizione per poi cedere nel finale e chiudere con il tempo di 8:42.20. Oro alla giapponese Kobori (8:34.30), argento alla russa Irina Prikhodko (8:37.36) e bronzo per l’altra nipponica Sato (8:38.19). Non è andata meglio nei 200 stile libero femminile; Lidia Caponi, infatti, ha chiuso solo al quarto posto (1:59.24), ad un soffio dalla russa Baklakova (1:59.00). Oro ed argento alle statunitensi De Loof (1:57.62) e Madden (1:58.31). Quinta l’altra italiana in gara, Alice Scarabelli (2:00.51). Il delirio, però, è stato solo rimandato, perché la Scandone ha avuto la possibilità di esplodere poco dopo le 19. La protagonista è stata Silvia Scalia (già bronzo nei 100 dorso); due pinne ed un’elica al posto dei piedi ed un super tempo che è valso l’oro, unica a scendere sotto il 28 (27.92).

“Volevo assolutamente vincere oggi – ci ha raccontato in mixed zone - a prescindere dal tempo. È arrivato l’oro e sono molto soddisfatta. La Scandone e Napoli tutta per me? Il tifo ha influito tantissimo; giocare in casa è stato un mio vantaggio. Molto bello ed entusiasmante. Non so quando mi ricapiterà avere il tifo tutto per me, dalla mia parte e quindi me lo sono goduto tantissimo, dall’inizio alla fine. Record italiano sfiorato? Sono contenta; non pensavo di riuscire a chiudere sotto il 28. Sono contentissima, perché è un buon feedback in vista del Mondiale. Adesso riprenderò la preparazione, poi dritto fino ai prossimi appuntamenti che saranno i Mondiali in cui spero di poter gareggiare nei 50 e 100 dorso ed almeno in una delle due staffette al mattino. Tokyo? (quasi con aria sorpresa) Beh sì (ci sorride, ndi); ci sono altre tappe in mezzo e quindi un po’ alla volta. Ma l’obiettivo è sicuramente quello per l’anno prossimo. Sensazioni per il mio primo oro in una manifestazione (escluso i Giochi del Mediterraneo, ndi)? È proprio bello, soprattutto perché era il mio obiettivo ma eravamo tutte là e la sfida è stata equilibrata. Non ho ancora realizzato bene, però, non posso che essere soddisfatta”.    

Conquistano la finale, invece, Alessia Polieri (2:10.27) ed Ilaria Cusinato (2:10.63) rispettivamente seconda e terza nella prima semifinale vinta dalla statunitense Luther nei 200 farfalla (terzo e quarto tempo assoluto). Epilogo della giornata con medaglia d’argento nella staffetta 4x200 stile libero maschile (7:10.43) dietro agli Stati Uniti (7:09.77) ma davanti all’Australia (7:14.75).

Nell’atletica, nella seconda giornata di gare, arriva il primo oro per l’Italia; lo conquista Daisy Osakue nel lancio del disco femminile, con il risultato di 61.69 davanti alla tedesca Claudine Vita (61.52) ed alla lituana Leva Zarankaite (56.75). Ayomide Forolunso ha centrato la finale nei 400 ostacoli femminili, con il tempo di 55.41, il miglior tempo in assoluto tra le due semifinali. È andata male, invece, a Virginia Troiani, squalificata nei 400 metri donne, mentre Luca Antonio Cassano non ha centrato la qualificazione alla finale dei 100 metri uomini, chiudendo la sua semifinale al quinto posto (10.54). Manca la qualificazione anche Eleonora Vandi negli 800 metri donne, con l’azzurra che chiude con il tempo di 2:05.09 la sua semifinale vinta dalla tedesca Christina Hering (2:03.36). Nella finale 10000 metri uomini, invece, quarto posto per Ilias Aouani (29:41.97); oro al sudafricano Milton Mokofane Kekana (29:29.43), davanti al giapponese Abe ed all’altro sudafricano Wildschutt.   

Nel tennis tavolo sconfitta ai 16esimi femminili per la coppia Le/Colantoni battute per 0-3 dalle cinesi Guo/Zhang; peggio è andata a Maurizio Massarelli, ko per 0-4 dal francese Rembert ai 32esimi. Sconfitta anche nel tennis misto, con l’Italia battuta dagli Stati Uniti 0-2.

Continua, invece, la corsa dell’Italvolley femminile; nei quarti di finale schiantato il Brasile 3-0 (25-20, 25-20 e 25-19) così come quella dell’Italvolley maschile. Nel gruppo D, infatti, 3-0 al Messico (25-20, 25-16 e 25-19) e qualificazione per i quarti di finale dove sfiderà il Portogallo. Anche l’Italia del calcio maschile prosegue la sua avventura in questa 30ma edizione delle Universiadi estive. Battuta la Francia 1-0 con rete nel secondo tempo di Strada; gli azzurrini giocheranno in semifinale contro il Giappone giovedì.  

L’Italbasket maschile, invece, perde ancora; finisce ko contro la Croazia 70-77 ( e si giocherà con la Repubblica Ceca la finale per 11-12mo posto giovedì.

Giovanni Spinazzola

10 Luglio 2019 08:46 - Ultimo aggiornamento: 10 Luglio 2019 08:46
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi