27 Febbraio 2020 - Aggiornato alle 13:20
SPORT
Lazio-Napoli: 1-0. Gattuso, "Per uscire da questa situazione bisogna fare un filotto di vittorie"
11 Gennaio 2020 21:48 —

Gennaro Gattuso è apparso scuro in volto, decisamente contrariato per la seconda sconfitta consecutiva incassata. Ecco la sua analisi ai microfoni di Sky Sport.

"Della gara di oggi ci teniamo la prestazione, bisogna guardare avanti. Io penso che la responsabilità di quello che è successo è mia perché sono io che chiedo di cominciare sempre l’azione dal portiere. È un errore che ci sta, vedo la squadra che comincia a fare le cose che proviamo, oggi è stata padrona del campo e ha sofferto pochissimo. Consideriamo anche che da quando sono arrivato abbiamo preso gol incredibili, ma ripeto che ci sta. Certi errori nascono dal fatto che da troppo tempo non diamo continuità ai risultati, questa squadra per tanti anni ha espresso il miglior calcio d’Italia e tanti di quei giocatori ancora indossano questa maglia. Per uscire da questa situazione bisogna fare un filotto di vittorie".

"Io sono molto positivo e ho il dovere di far capire ai ragazzi che siamo sulla strada giusta, però bisogna riuscire a vincere qualche partita. Se continuiamo così le vittorie arriveranno, ma quando si gioca bene e non si portano punti a casa poi diventa sempre più difficile. Io mi diverto ad allenare questa squadra, sa giocare questo tipo di calcio ed è per questo che bisogna dare continuità agli allenamenti e credere fortemente in quello che si fa. Abbiamo tanti margini di miglioramento. Al momento è inutile parlare di obiettivi, io mi devo basare su quello che vedo in settimana e posso dire che siamo indietro su certi aspetti. Mi devo concentrare ad allenare la squadra, non si deve vedere la classifica e non si deve parlare di aria fritta. Si deve lavorare e bisogna riuscire a vincere le partite, questo è l’obiettivo e questo è ciò che voglio vedere. Il primo responsabile sono io e devo anche riuscire a fare risultati per rimanere a Napoli perché questo è il mio obiettivo: anche io sono legato ai risultati".

"Ospina ha sbagliato, ma il responsabile sono io. Se Ospina butta la palla io mi arrabbio. Si vede solo l’errore che ha fatto, ma non si vedono le 15 imbucate che ci ha permesso di fare. Lui per noi è un valore aggiunto perché ci permette di impostare in maniera corretta. Io il portiere non lo chiamo portiere, lo chiamo giocatore perché per me il portiere oggi deve giocare il pallone".

11 Gennaio 2020 21:48 - Ultimo aggiornamento: 11 Gennaio 2020 21:48
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi