29 Maggio 2020 - Aggiornato alle 22:13
SPORT
Casa Napoli: "Niente allenamenti" di Giovanni Spinazzola
23 Marzo 2020 15:08 —

Il Napoli non riprenderà gli allenamenti mercoledì, come inizialmente voleva il Presidente De Laurentiis. L’emergenza da Coronavirus ha la precedenza su tutto e tutti e non resta che adeguarsi. La situazione in Italia, d’altronde, è drammatica, come certificato dai bollettini di “guerra” emessi dalla Protezione Civile ogni giorno. Numeri in lieve diminuzione ma pur sempre elevatissimi, ed il campionato appare l’ultimo dei problemi in questo momento. Ed infatti come tale viene trattato. L’ipotesi di riprendere la Serie A nel primo week end di maggio è sempre più impossibile da realizzare; più realistico immaginare come la fine di maggio possa essere un lasso di tempo per rivedere le squadre in campo. Ciò significherebbe ripartire con l’attività agonistica ad inizio mese, perché c’è bisogno di almeno due settimane di allenamenti ai calciatori per riprendere il ritmo gara e tornare in forma, senza dimenticare come i calciatori volati nei paesi d’origine, al ritorno in Italia debbano – per legge – sottoporsi ad una quarantena di 14 giorni (Khedira, Douglas Costa e Higuain su tutti). Gattuso, intanto, è in constante contatto con il suo staff e, soprattutto, con i suoi calciatori; il tecnico, di fatto, ha report quotidiano dai suoi ragazzi e lavora da casa in vista del finale di stagione, ammesso che vi sarà. Una cosa appare certa; se il campionato non dovesse più riprendere, il Napoli sarebbe qualificato aritmeticamente alla prossima Europa League, in virtù del sesto posto attuale e degli ottimi risultati conquistati nelle ultime settimane di torneo prima dello stop. I partenopei, d’altronde, sono – insieme ad Inter e Juve – le uniche formazioni italiane in lotta su tre fronti, con il ritorno di Champions League contro il Barcellona che vedrà, con ogni probabilità, un Barcellona a ranghi completi (eccetto gli squalificati, naturalmente) e con Suarez in campo, perché l’uruguaiano sta recuperando. Ancora un mese di quarantena, quindi, tempo almeno minimo, sperando che il Covid-19 sia debellato completamente o, quantomeno, sotto controllo. Solo allora si potrà tornare alla vita normale.

23 Marzo 2020 15:08 - Ultimo aggiornamento: 23 Marzo 2020 15:08
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi