27 Settembre 2020 - Aggiornato alle 16:25
CRONACA
Litorale Domizio: M5S, forse percolato nel torrente Agnena
13 Maggio 2020 23:36 —

Roma, 13 maggio 2020 - “La foto della macchia nera che si espandeva nel mare alla foce dell’Agnena, ha scosso tutti noi, ma adesso quel senso di sdegno deve tramutarsi in azioni e risultati positivi per l’ambiente e per il territorio. Per questo ho depositato un’interrogazione al Senato assieme ai miei colleghi, per avere delle risposte ma soprattutto per dare un nostro contributo, il litorale domizio è sottoposto a continui martiri ha bisogno di aiuto” dichiara Vilma Moronese senatrice del M5S e Presidente della commissione ambiente del Senato.

“Alcuni anni fa ci fu un’audizione in Senato - spiega - la Procura di Santa Maria Capua Vetere ci portò a conoscenza delle indagini che effettuò proprio nel canale dell’Agnena e dei Regi Lagni, nonché su tutto il sistema di depurazione. Un lavoro molto importante e apprezzabile, che probabilmente arrivò a delle conclusioni, che però noi oggi non conosciamo, e che credo sulle quali valga la pena di continuare a lavorare.”

“Vennero utilizzati anche droni e termocamere per comprendere quali potessero essere gli elementi e le fonti inquinanti - continua Moronese - fu messa in relazione la mancata realizzazione delle vasche di raccolta della discarica Bortolotto-Sogeri, dalle quali sarebbe uscito del percolato che poi finiva direttamente nel canale dell’Agnena. Questa tesi fu poi mostrata durante una trasmissione televisiva della RAI.”

“Analizzando le immagini satellitari - prosegue - possiamo notare che la macchia nera che si riversa nel mare, è un fenomeno che purtroppo si ripete con costanza nei mesi e negli anni, e c’è il rischio che si ripeta ancora. Anche l'Aeronautica Militare pubblicò a maggio 2019 immagini della marea nera alla foce dell’Agnena, l’attenzione su quei luoghi è alta da anni, tante cose già si conoscono”

“La nostra interrogazione inoltre ricostruisce una serie di fatti, e riporta anche delle indagini ambientali che furono condotte dall’ISPRA nel 2012 in quei canali - aggiunge - e intende sollecitare il Ministero dell’Ambiente, affinché chi di competenza possa verificare se c’è la presenza di questo percolato nei canali, e se il rilascio in mare dello stesso avvenga quando le pompe idrovore del Consorzio di Bacino vengono attivate, penso sia un fatto da appurare. Qualora fosse così potremmo arrivare rapidamente ad una soluzione.”

“L’estate scorsa fu proprio il Ministero dell’Ambiente, con l’allora Sottosegretario Salvatore Micillo ad organizzare una campagna di monitoraggio dei corsi d’acqua e del mare anche sul litorale domizio. All’iniziativa presi parte molto volentieri anche io, perchè il controllo su queste zone è importantissimo, bisogna continuare.”

“Infine credo che probabilmente dobbiamo aumentare ancora di più il livello di collaborazione tra istituzioni per arrivare più rapidamente ad ottenere soluzioni per il nostro territorio, sono certa che i cittadini non potranno che apprezzare ed unirsi alle nostre azioni con più convinzione, io sono stata e sono sempre a disposizione” conclude Moronese.

Qui è disponibile il testo dell’interrogazione http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=18&id=1151707

 

13 Maggio 2020 23:36 - Ultimo aggiornamento: 13 Maggio 2020 23:36
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi