05 Dicembre 2021 - Aggiornato alle 17:50
SPORT
Spalletti: "Sarò con Voi e non molleremo" di Giovanni Spinazzola
09 Luglio 2021 09:33 —

Luciano Spalletti, il neo tecnico del Napoli, si è presentato alla stampa ieri. Oltre un’ora di conferenza, tanti sputi interessanti, con l’allenatore che ha subito messo in chiaro cosa vuole e si aspetta dal suo Napoli. Gli piacerebbe che la sua sia “una squadra di scugnizzi che crede nel proprio talento” perché “dobbiamo esprimere un calcio che somigli alla città”. Il ritorno in Champions League sarà una sorta di ossessione per il tecnico che ha ammesso come di aver studiato nei minimi particolari la squadra fin dal momento in cui ha saputo di dover diventare il tecnico dei partenopei. “La città di Napoli ti tende una mano che noi dobbiamo stringere forte. Dobbiamo saper meritare questa maglia, questa gente e restituire questo amore con disponibilità in campo". Parole forti, di grande impatto; dichiarazioni che ogni tifoso del Napoli avrebbe voluto sentire, né più né meno di quanto chiedono i supporters, sempre al fianco del club e dei calciatori. "Il Napoli è una squadra forte e sono curioso di entrarci dentro il prima possibile per vedere fino in fondo quanto ne sia consapevole. Essere forte, se non sai di esserlo, a volte non completa l’atteggiamento. Da quando mi hanno detto che sarei stato l’allenatore del Napoli, non gli ho tolto gli occhi di dosso a questa squadra. È una squadra che mi assomiglia, ma poi bisogna darci dentro", ha poi aggiunto il mister. È stato toccato anche l’argomento mercato, con Spalletti che, di fatto, ha ammesso di aver parlato con Emerson Palmieri. È lui il primo obiettivo, quello principale indicato dal mister più che soddisfatto per l’attuale organico partenopeo. Complimenti di rito a Di Lorenzo ed Insigne per gli Europei, ha svelato di aver avuto un contatto telefonico con il capitano azzurro, ritenuto centrale nel nuovo progetto. Musica per le orecchie, considerato anche l’immobilismo preoccupante fin qui del club azzurro; servono rinforzi, almeno un paio, la squadra lavora con grande armonia sottotraccia ma si spera di poter vedere qualche volto nuovo e funzionale a breve in ritiro. Ed in Val di Sole, in attesa della nuova fornitura tecnica autoprodotta, gli azzurri si alleneranno con casacche con su scritto l’inno che ha accompagnato la squadra negli ultimi anni, quel “Sarò con te… e tu non devi mollare”. Un grido di battaglia che dovrebbe essere sempre ben chiaro nella mente di tutti, dal patron, alla dirigenza fino a tecnico e calciatori.  

09 Luglio 2021 09:33 - Ultimo aggiornamento: 09 Luglio 2021 09:33
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi