16 Luglio 2024 - Aggiornato alle 08:51
CRONACA

Livorno Sequestrati 5.000 capi di abbigliamento "falsi di lusso" che avrebbero fruttato 2milioni di euro

21 Giugno 2024 11:26 — “DIOR”, “LOUIS VUITTON”, “GUCCI”, “YVES SAINT LAURENT”, “McQUEEN”, “CHANEL”.

Con l’arrivo della stagione estiva riemerge un’altra seria problematica che le Fiamme Gialle si trovano a dover contrastare, ossia quella del traffico e smercio di articoli contraffatti. Con la finalità di assestare un significativo colpo a questo commercio illegale, che arreca gravi danni all’economia legale e rischia di porre in circolo anche articoli talvolta pericolosi dal punto di vista sanitario, il Gruppo di Livorno, coordinato dal Comando Provinciale labronico, ha sviluppato un’articolata attività operativa tendente a bloccare o, quantomeno, limitare la vendita di merce contraffatta lungo il litorale toscano, sequestrando “a monte” il rifornimento della citata merce illecita.

La “campagna” operativa in argomento ha portato al sequestro di un ingente quantitativo di “falsi di lusso”, denunciando 6 soggetti per i reati di introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi (art. 474 c.p.) e ricettazione (art. 648 c.p.).

Il servizio origina da autonoma attività d’intelligence, realizzata “sul campo” con sopralluoghi, appostamenti e controlli sul territorio, lungo gli assi viari e finanche presso i centri di smistamento posta, nonché corrieri espressi; durante tali attività le Fiamme Gialle hanno quindi individuato traffici e spedizioni “sospette”. I correlati approfondimenti investigativi, esperiti tramite l’ausilio delle banche dati in uso al Corpo ed il monitoraggio di talune piattaforme di vendita on-line, hanno quindi permesso di identificare i reali destinatari della merce illecita, ricostruendo così la cd. “filiera del falso” e denunciando diverse persone all’Autorità Giudiziaria labronica.

Le molteplici attività di perquisizione e sequestro realizzate durante la “campagna operativa” in argomento hanno portato al complessivo rinvenimento e conseguente sequestro di oltre 5.000 articoli per abbigliamento riportanti, tra gli altri, i marchi di “DIOR”, “LOUIS VUITTON”, “GUCCI”, “YVES SAINT LAURENT”, “McQUEEN”, “CHANEL”. Il complessivo valore commerciale alla minuta vendita è stimato in oltre 2 milioni di euro.

L’attività svolta dal Gruppo livornese ha consentito il sequestro di una parte considerevole del rifornimento “estivo” che i responsabili dello smercio illegale si stavano precostituendo per la vendita al dettaglio di “falsi di lusso” lungo le spiagge toscane in vista della stagione estiva, a facoltosi acquirenti disposti a correre il rischio di essere a loro volta denunciati per ricettazione, peraltro pagando un prezzo significativo (diverse centinaia di euro), seppur inferiore rispetto all’articolo vero acquistato in boutique.

Le perizie eseguite sui prodotti sequestrati hanno confermato la loro natura contraffatta e, nel contempo, l’elevata qualità della contraffazione e del relativo packaging; la merce avrebbe tratto in inganno anche gli occhi più esperti.

Il servizio svolto testimonia l’impegno profuso dalla Guardia di Finanza, quale forza di polizia economico/finanziaria, anche nel significativo contrasto alla contraffazione e all’abusivismo commerciale, condotte illecite che danneggiano il mercato, alimentano i circuiti del lavoro sommerso – sottraendo opportunità e lavoro alle imprese che rispettano le regole - e generano una riduzione delle entrate fiscali, con conseguente diminuzione delle risorse da investire per la crescita del Paese e il potenziamento dei servizi pubblici.

21 Giugno 2024 11:26 - Ultimo aggiornamento: 21 Giugno 2024 11:26
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi