16 Aprile 2024 - Aggiornato alle 23:00
SPORT

Napoli-Barcellona: "Brillano le stelle al Maradona" di Giovanni Spinazzola

21 Febbraio 2024 23:32 — E la notte di Lewandowski e Osimhen.

Un pareggio che, tutto sommato, può anche lasciare l’amaro in bocca. Il Napoli non va oltre l’1-1 al Maradona contro il Barcellona ma in una gara dove sembra dare timidi segnali di risveglio.

Gli azzurri sono positivi, disputano una gara a viso aperto contro i catalani ed è sinonimo delle nuove idee inculcate da Calzona ai suoi ragazzi. Poco più di un giorno per far cambiare atteggiamento alla squadra, per vedere una squadra più offensiva che dopo l’1-1 ha addirittura messo alle strette il Barcellona, sfiorando perfino la vittoria. Solo notizie positive? Non proprio. È bene affermare, infatti, come il Barcellona attuale sia una squadra in grande difficoltà, di certo non la corazzata degli anni scorsi. Difesa alta e fragile, la più battuta in Europa nel 2024, sebbene i blaugrana siano terzi in classifica. Una squadra, insomma, ampiamente alla portata del club azzurro, sostenuto dal Maradona encomiabile.

Eppure il Barça, soprattutto nel primo tempo, ha messo in grande difficoltà gli azzurri, con un Meret superlativo in ben tre occasioni. Troppo fragile il centrocampo ed una difesa che fa acqua da tutte le parti; i vecchi problemi, insomma, sono rimasti e sono anche palpabili e nitidi.

Ci sarà molto da lavorare per Calzona che, però, ha dimostrato una grande personalità. Fuori Kvara – appannato, va detto – e dentro un pimpante Lindstrom che ha cambiato la gara con la sua verve sulla fascia sinistra. E fuori pure Osimhen subito dopo il gol per Simeone.

È iniziato il nuovo corso azzurro, quello che dovrà permettere una rincorsa verso il quarto posto e la qualificazione alla prossima Champions League. Non è certo impossibile l’impresa, vista anche la qualità della rosa a disposizione di Calzona.

Ora testa al Cagliari domenica prossima, quando sarà già tempo di vincere e conquistare punti pesanti. La Champions League, invece, tornerà tra circa tre settimane quando si spera che ci sia un Napoli più rodato e rinvigorito dalla cura del nuovo tecnico.

21 Febbraio 2024 23:32 - Ultimo aggiornamento: 21 Febbraio 2024 23:32
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi