16 Luglio 2024 - Aggiornato alle 10:40
CRONACA

Napoli: Aeroporto di Capodichino, le rotte della discordia

07 Agosto 2023 20:50 — Il caso arriva nei palazzi del Comune e della Regione.

Le nuove rotte in via sperimentale iniziate a febbraio all'eroporto di Capodichino stanno creando sempre più malcontento negli abitanti dell'area nord della città interessando anche i comuni di Mugnano, Villaricca, Qualiano e Giugliano.

Sono migliaia i cittadini che quotidianamente lamentano un vertiginoso aumento del traffico aereo sulle loro teste con conseguente insostenibile inquinamento acustico. 

La vicenda ora ha investito anche i palazzi delle amministrazioni comunali e regioanli e rischia di divenire a tutto tondo un vero e proprio caso"politico". A sostenere che c'è la necessità di verificare i dati della sperimentazione e di dover comunque apporre correttivi è il Partito Democratico tramite il capogruppo nel consiglio di via Verdi e della Consigliera Regionale Bruna Fiola.

"Credo sia giusto in questo momento affrontare con serenità la questione dei voli che interessano la zona collinare di Napoli e sull'intera area nord della città. Come consigliera regionale ed esponente politico sento il dovere di farmi promotrice di una richiesta formale all'Arpac relativa ai dati degli ultimi mesi sull'inquinamento acustico, anche perché siamo al termine di una sperimentazione delle rotte iniziata a febbraio ed è giusto tirare le somme. Come cittadina della zona collinare mi unisco ai tanti che ne segnalano voli a tutte le ore, e invito i dirigenti di Gesac a prendere un caffè a casa mia per fargli capire la situazione del mio come di molti altri quartieri dalle sei di mattina fino a tarda sera". Così in una nota Bruna Fiola, consigliera regionale della Campania per il Partito Democratico.

"Siamo tutti convinti che ci sia tanto il pieno rispetto delle norme quanto la massima disponibilità a migliorare la situazione nelle sedi opportune - precisa Fiola - ma non possiamo negare che c'è un chiaro malessere dei cittadini, noi come loro rappresentanti dobbiamo segnalarlo".

"Sostenere che oggi vi siano troppi voli nelle zone collinari di Napoli, a Capodichino, ai Ponti Rossi e sull'intera area nord non significa accusare qualcuno circa la violazione di norme nazionali sul rumore aeroportuale. Il clima che come Pd vogliamo portare al dibattito sul tema vuole essere pacato, costruttivo ma anche risolutivo. Le segnalazioni che riceviamo quotidianamente sono un fatto incontestabile, e noi a queste decine di migliaia di cittadini dobbiamo una risposta a quello che per loro è un problema, specie in fasce orarie che vanno dalle sei alle otto e dalle 22 in poi". Così Gennaro Acampora, capogruppo del Partito Democratico nel Consiglio Comunale di Napoli.

"Ci siamo limitati a chiedere ad Arpac i dati di una sperimentazione di rotte che, iniziata a febbraio, terminerà alla fine di agosto - sottolinea Acampora - e sempre nel rispetto istituzionale che ci contraddistingue, ci siamo limitati ad auspicare la creazione di un tavolo che fosse di confronto e non di scontro, tanto con Arpac quanto con Gesac, nel comune interesse della città. Non abbiamo tesi precostituite, è fondamentale il contributo di tutti - aggiunge - e tanto il gruppo Pd quanto l'amministrazione sanno perfettamente che le nuove rotte sono state elaborate dall'ENAV, a cui piuttosto, proprio attraverso il tavolo, vogliamo dare consigli utili e suggerimenti appropriati. Non si tratta allora di prevalere, non abbiamo la presunzione di distinguere tra buoni e cattivi: vogliamo solo trovare una giusta sintesi fra le esigenze del turismo, quelle degli operatori aeroportuali e il diritto alla quiete dei cittadini". 

07 Agosto 2023 20:50 - Ultimo aggiornamento: 07 Agosto 2023 20:50
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi