16 Luglio 2024 - Aggiornato alle 10:57
CRONACA

Napoli: Colpiti due clan camorristici di Acerra, 7 arresti all'alba per usura, estorsione, detenzione di armi e droga

03 Novembre 2023 09:09 —

All'alba di oggi la Polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza emessa dal Tribunale di Napoli - Sezione G.I.P. che dispone l’applicazione della misura cautelare della custodia in carcere a carico di Andretta Diego, Balascio Pasquale, Capone Vincenzo e Jani Behari e degli arresti domiciliari a carico di Pacilio Carmine, Pacilio Giordano Salvatore e Riemma  Antonio, ritenuti a vario titolo gravemente indiziati dei reati di trasferimento fraudolento di valori, usura aggravata dal metodo mafioso, estorsione aggravata dal metodo mafioso, detenzione di armi aggravata dal metodo mafioso e detenzione e traffico di sostanze stupefacenti.

L’attività investigativa, effettuata dal febbraio 2022 dalla Squadra Mobile di Napoli e dal Commissariato di Acerra, diretta e coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli, ha consentito di raccogliere elementi probatori in ordine all’esistenza di due gruppi camorristici operanti nell’acerrano, uniti da un’alleanza, ma tra loro distinti, tanto da avere ognuna i propri vertici ed affiliati: quello facente capo ad Andretta Salvatore e quella facente capo ad Avventurato Bruno.

L’indagine ha permesso poi di rilevare un grave quadro indiziario a carico di Andretta Diego e Balascio Pasquale, le cui attività illecite in materia di usura, svolte al fine di agevolare il clan Andretta, ad un certo punto si sono incrociate con quelle del Capone, in quanto relative a soggetti che hanno maturato debiti nei confronti di entrambi. 

E’ stata, inoltre, accertata la fittizia titolarità/disponibilità delle ditte operanti nel settore delle onoranze funebri sul territorio di Acerra. In particolare, le attività investigative esperite hanno appurato che da decenni sul territorio in parola, nel settore delle onoranze funebri, si è sempre distinta la famiglia “Pacilio che gestisce in modo pressoché monopolistico l’attività di trasporti funebri, servizi di tumulazione, inumazioni ed esumazioni, stampa ed affissione di manifesti mortuari sul territorio. Nel corso delle indagini è emerso che tale titolarità delle ditte funebri nel marzo 2022 era stata fittiziamente attribuita dai fratelli Pacilio a Riemma Antonio, al fine di eludere le disposizioni in materia di misure di prevenzione, essendo stata emessa a carico della ditta dei Pacilio un’interdittiva antimafia.

Infine, nel corso dell’attività è emersa la figura di Jani Behar, gravemente indiziato di aver importato ingenti quantitativi dalla Spagna di sostanza stupefacente del tipo amnesia nell’estate del 2022; nonché di aver offerto in vendita ingenti quantitativi di cocaina e amnesia tra l’agosto e il settembre 2022, in concorso con l’indagato Riemma Antonio.

03 Novembre 2023 09:09 - Ultimo aggiornamento: 03 Novembre 2023 09:09
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi