19 Luglio 2024 - Aggiornato alle 14:36
SPORT

Napoli: De Laurentiis, "Termine ultimo per un nuovo allenatore il 27 giugno" di Giovanni Spinazzola

07 Giugno 2023 22:05 —

È un De Laurentiis a tutto tondo nella conferenza stampa di presentazione del ritiro di Castel di Sangro. Un ritiro lunghissimo, di ben due settimane, dal 28 luglio al 12 agosto. Si lavorerà in Abruzzo, perché la "preparazione atletica è ciò che ci è più caro". E quindi niente amichevoli in trasferta, con buona pace del Barcellona che aveva invitato gli azzurri al Camp Nou per il Trofeo Gamper e per il Manchester United, rifiutato il 5 agosto anche perché in quel giorno c’è il concerto di Gigi D’Alessio. Una delle tante iniziative – vi sarà anche Miss Scudetto 2023 ed uno spettacolo dell’attore Massimiliano Gallo - annunciate dal presidente della Regione e dal sindaco di Castel di Sangro che ha ammesso come tutti nel paese montanaro abbiano gioito per il tricolore degli azzurri. D’altronde, in ritiro, si vedrà la maglia dei Campioni d’Italia ed il trofeo che domenica scorsa ha alzato al cielo capitan Di Lorenzo. Tre amichevoli al Patini, magari con avversari di calibro e di spessore per testare la squadra che andrà poi a debuttare in campionato il 20 agosto (salvo, naturalmente, anticipi o posticipi). Immancabile, poi, affrontare il tema mercato a Palazzo Petrucci. Il tema allenatore è scottante ma il patron mette le cose in chiaro. Sta vagliando 40 profili, e per ognuno andrà verificato se “se sono adatti a un 4-3-3, adatti a linea di difesa e attacco alte, ma anche capirne il carattere, capire se sono culturalmente immettibili nella cultura partenopea”. Il patron ha spiegato quindi come sia necessario del tempo, anche perché “devi dare anche la possibilità alla controparte di non accettare. La controparte deve capire cosa sta negoziando, deve capire chi ha di fronte. Deve esserci uno scambio di interesse. Il 4-3-3 deve essere quello e non può essere altro”. ADL si è però imposto una data; è il 27 giugno. “Dal mio punto di vista, se vogliamo essere davvero logici, vogliamo dire che il tempo limite massimo è il 27 giugno? Perché se io entro il 27 di giugno ho un allenatore pronto a sedersi con noi, dal 27 in avanti ho sedici giorni per calibrare l'organizzazione, come si deve muovere e come ci dobbiamo comportare” ha spiegato il patron sostenendo di non aver bisogno di un manager e dimostrandosi chiaro anche nei confronti di Giuntoli. “Ha un contratto con noi fino al 30 giugno 2024”, capitolo chiuso, almeno per ora. Ha anche tranquillizzato i tifosi sulla rosa del Napoli. Altro che cessioni eccellenti, De Laurentiis rilancia. “L'anno scorso abbiamo inaugurato un ciclo e mi auguro che possa andare avanti per anni. Adesso dobbiamo cercare di rafforzarci ancor di più in Europa” ha sostenuto. Investimenti, quindi, magari l’arrivo di qualche big e soprattutto blindare Kvaratskhelia ed Osimhen. E proprio sul georgiano è stato chiaro l’agente; a bocce ferme, tra qualche settimana, si incontrerà con la dirigenza azzurra per mettere a posto il prolungamento del contratto con adeguamento, perché Kvara sta benissimo a Napoli e vuole continuare a vincere in azzurro. 

07 Giugno 2023 22:05 - Ultimo aggiornamento: 07 Giugno 2023 22:05
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi