22 Luglio 2024 - Aggiornato alle 08:55
CRONACA

Napoli: La Prefettura avvia la fase di monitoraggio sulla dispersione scolastica

05 Luglio 2024 13:01 —

La prevenzione della dispersione scolastica costituisce un obiettivo prioritario per tutte le istituzioni, sia in un’ottica di prevenzione sociale, sia per garantire la tutela dei minori. Si tratta infatti di un fenomeno che, seppur in lieve ma progressiva diminuzione, condiziona tutto il contesto sociale, sia dal punto di vista dell’impatto sul futuro dei giovani, sia per le possibili ricadute sulla sicurezza.

Sono di fondamentale importanza tutte le azioni che contribuiscono a monitorare il fenomeno, tenendo conto anche del rinnovato quadro normativo, a partire da una puntuale e sistematica raccolta dei dati e dalla loro analisi, che permette di intervenire in modo mirato ed efficace.

Le azioni volte alla prevenzione e al contrasto della dispersione scolastica costituiscono quindi una priorità istituzionale che la Prefettura di Napoli, l’Ufficio Scolastico regionale per la Campania, la Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni stanno portando avanti già dal 2022, in collaborazione con ANCI e con il Comune di Napoli, con azioni mirate al monitoraggio e alla prevenzione.

La collaborazione istituzionale ha reso possibile una strategia di azione concertata che, grazie alle esperienze e diverse competenze dei vari attori coinvolti, risponde in maniera trasversale e interistituzionale ad un fenomeno multidimensionale che non riguarda solo la scuola ma attiene alla società civile nel suo complesso.

Per quanto concerne la vigilanza dell’adempimento dell’obbligo di istruzione, la  procedura di segnalazione è stata recentemente innovata  a partire dal Decreto-legge 15 settembre 2023 n.123, convertito con modificazioni dalla legge n. 159 del 13 novembre 2023, che ha introdotto una significativa modifica dell’articolo 114 del Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di istruzione (d.lgs. 297/94), impattando in modo significativo sulle norme relative alla vigilanza sull’adempimento dell’obbligo di istruzione.

Già nel mese di febbraio 2024 è stata svolta una prima rilevazione in attuazione della nuova normativa, grazie ai dati provenienti dalle istituzioni scolastiche e relativi agli abbandoni, alle frequenze discontinue, alle segnalazioni degli inadempienti.

A conclusione dell’anno scolastico 2023/24, nell’ambito dell’ormai sperimentata collaborazione inter-istituzionale, il Prefetto di Napoli, Michele di Bari, d’intesa con la Procuratrice per i minorenni di Napoli, Maria de Luzenberger Milnernsheim ed il Direttore dell’Ufficio scolastico regionale della Campania, Ettore Acerra, ha avviato, con una apposita circolare sottoscritta da Prefettura e Ufficio scolastico, il monitoraggio finalizzato alla rilevazione degli ammonimenti e delle segnalazioni di elusione e/o evasione scolastica all’autorità giudiziaria da parte degli Enti locali.

Nel contempo, anche le Istituzioni scolastiche sono state chiamate a rilevare i dati concernenti la vigilanza sull’adempimento dell’obbligo di istruzione in capo alle famiglie degli alunni minorenni per l’anno scolastico appena trascorso.

Per quanto concerne il Comune di Napoli, la rilevazione viene svolta per il tramite di una piattaforma digitale integrata che restituisce in tempo reale il quadro completo delle segnalazioni effettuate dalle scuole e dell’esito di tali segnalazioni.

A fine luglio sarà disponibile un report complessivo, comprendente sia i dati della rilevazione sopra indicata, sia i dati sugli esiti degli scrutini che le istituzioni scolastiche inseriscono nell’anagrafe degli studenti, in modo da delineare un quadro complessivo dell’andamento nell’anno scolastico 23/24.

In prospettiva, tali rilevazioni accurate e sistematiche mettono a disposizione delle istituzioni e di tutti i soggetti coinvolti nei patti territoriali e nei processi di miglioramento del contesto sociale e scolastico un quadro della situazione utilissimo in un processo di progettazione partecipata in funzione dell’attuazione degli interventi di prevenzione, di tutela, di supporto e di accompagnamento.

05 Luglio 2024 13:01 - Ultimo aggiornamento: 05 Luglio 2024 13:01
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi