27 Maggio 2024 - Aggiornato alle 23:25
POLITICA

Napoli: Metropolitan, arriva il vincolo dal Ministero della Cultura

11 Agosto 2023 09:00 — Dovrà continuare ad essere cinema e teatro, niente parcheggi o centri commerciali. Borrelli: “Difendere la città significa anche non svendere il proprio patrimonio culturale. Vigileremo".

Il  Metropolitan, lo storico cinema di via Chiaia, non potrà essere trasformato in un parcheggio, in una sala Bingo o in un centro commerciale. Alla fine il vincolo sulla sua vendita è arrivato, come era stato annunciato dal Ministro della Cultura Sangiuliano dopo le richieste del deputato dell’Alleanza Verdi-Sinistra Francesco Emilio Borrelli che aveva portato il caso anche in parlamento.

 
“L’immobile denominato “Cinema Metropolitan” in via Chiaia n 149/a è dichiarato di interesse storico e artistico particolarmente importante ed è espressione di identità collettiva ai sensi dell’art. 7 bis del codice dei Beni Culturali e come tale è sottoposto a tutte le disposizioni in esso contenute” - si legge in documento stilato della Commissione Regionale per il patrimonio Culturale.
“E’ parte di un patrimonio fondamentale per l’offerta culturale del territorio” - si legge ancora nel testo - “riveste un valore fortemente testimoniale per la storia culturale e sociale della città ed appare evidente che non può essere adibito ad utilizzi che rendano impossibili la percezione degli scopi per i quali è stato realizzato. Pertanto utilizzi finalizzati ad attività che esulano da quelle socio culturali sono da ritenersi non compatibili con la dignità del bene e lesive della sua immagine storica.”


“Abbiamo vinto questa battaglia. Vedere trasformato uno storico cinema teatro nell'ennesimo centro commerciale o sala bingo sarebbe stato un colpo al cuore ed un’offesa alla città, alla sua storia e alla sua tradizione culturale. Difendere la città significa anche non svendere il proprio patrimonio culturale.” –commenta Borrelli- “Abbiamo bisogno di più presidi culturali e non che ci tolgano quelli che abbiamo. Proprio in questi mesi il cinema è in piena ripresa ed assurdo chiudere i pochi che abbiamo solo per fare ulteriori speculazioni sembra assurdo. Tra l'altro i gestori non avevano alcuna intenzione di dismettere l'attività e si sono trovati all'improvviso con l'immobile in vendita.”


“C’è, però, bisogno ancora di vigilare sulla situazione e noi lo faremo” - continua Borrelli- “Controlleremo che non ci siano speculazioni o furbetti. Alcuni dei potenziali acquirenti che si sono fatti avanti pensavano di lasciare un paio di sale per dare a vedere di rispettare la storia del cinema, ma solo di facciata, per poi dare luogo ad un’azione speculativa massiccia. Con il vincolo imposta dal Ministero ciò non sarà consentito.”


La battaglia per tutelare il cinema che la Banca San Paolo Imi aveva messo in vendita all'improvviso e senza aprire un confronto con chi ha gestito per anni il cinema aveva scatenato una mobilitazione pubblica guidata dallo stesso Borrelli, dal conduttore radiofonico Gianni Simioli con la partecipazione dell'attore Massimiliano Gallo, di Patrizio Rispo, di Gino Sorbillo, del consigliere regionale Roberta Gaeta, del musicologo Pasquale Scialò, della I municipalità di Napoli e tantissimi cittadini indignati per la possibilità che l'area fosse trasformata nell'ennesimo parcheggio o centro commerciale. Il Ministro Sangiuliano ha accolto la richiesta e ha posto il vincolo.

11 Agosto 2023 09:00 - Ultimo aggiornamento: 11 Agosto 2023 09:00
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi