22 Luglio 2024 - Aggiornato alle 09:40
CRONACA

Reggio Emilia: GdF scopre frode fiscale per oltre 6milioni di euro

20 Giugno 2024 10:18 —

I Finanzieri del Comando Provinciale di Reggio Emilia, nell’ambito dell’attività di contrasto alle frodi fiscali, hanno scoperto una ditta individuale, operante nel settore dell’abbigliamento e gestita da un soggetto di nazionalità cinese resosi irreperibile, che, pur non essendo di fatto operativa dal mese di giugno 2017, era rimasta formalmente attiva al solo scopo di emettere fatture false, assumendo, pertanto, il ruolo di una “cartiera”, ovvero di un’impresa dedita alla sola emissione di fatture per operazioni commerciali del tutto inesistenti.

La frode fiscale è stata portata alla luce dai militari della Tenenza di Correggio, a seguito di un’attività ispettiva avviata nei confronti del soggetto economico, individuato inizialmente come un evasore totale. Tuttavia, gli esiti delle ulteriori investigazioni svolte hanno consentito di appurare che la ditta era di fatto inattiva dal giugno 2017 e che, da tale mese sino a quello di novembre 2023, aveva emesso ben 255 fatture false per un importo imponibile complessivo di circa 6.000.000,00 di euro, nei confronti di numerose altre imprese operanti sul territorio nazionale, consentendo loro di evadere le imposte sui redditi e di beneficiare di un’I.V.A. indebitamente detratta di circa 1.300.000,00 Euro.

Per la frode fiscale posta in essere, il titolare è stato deferito alla Procura della Repubblica di Reggio Emilia per il reato di emissione di fatture false, previsto dall’art. 8 del D.lgs n. 74/2000. Inoltre, trattandosi di un evasore totale, i Finanzieri hanno ricostruito ed imputato allo stesso i redditi prodotti e non dichiarati dal 2017 al 2023, derivanti anche da proventi illeciti ed ammontanti a circa 1.360.000,00 Euro. Al titolare è stata di conseguenza contestata un’imposta evasa di circa 510.000,00 Euro, oltre all’I.V.A. dovuta di circa 1.240.000,00 Euro nonchè il reato di omessa dichiarazione fiscale, previsto dall’art. 5 del menzionato decreto legislativo. Al fine di escludere dal circuito economico la ditta individuale, in quanto connotata da un’estrema pericolosità fiscale e distorsiva del mercato, è stata proposta all’Agenzia delle Entrate la cessazione d’ufficio della sua partita I.V.A., risultata formalmente ancora attiva alla data di conclusione delle indagini.

La Guardia di Finanza contrasta le frodi all’IVA non solo sul piano repressivo ma anche preventivo, chiedendo la cessazione delle partite IVA dei soggetti coinvolti in circuiti di frode.

 

20 Giugno 2024 10:18 - Ultimo aggiornamento: 20 Giugno 2024 10:18
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi