23 Settembre 2019 - Aggiornato alle 19:23
SPORT
Juventus-Napoli: È già sfida scudetto
30 Agosto 2019 21:32 —

È tempo di vigilia in casa Napoli, perché domani sarà nuovamente campionato, con un super anticipo di lusso. I partenopei, infatti, sfideranno la Juventus all’Allianz Stadium, la rivale degli ultimi anni per lo scudetto. Non è una sfida che assegna il titolo, perché è appena la seconda giornata, ma sicuramente vincere regala quel sapore in più oltre che l’autostima necessaria per continuare a marciare sulla strada intrapresa fin dal primo giorno di raduno. La trasferta di Firenze ha regalato tre punti e messo in mostra un reparto avanzato formato nucleare ma anche una difesa non ancora granitica ed una fase passiva da rivedere, colpa molto probabilmente di un paio di elementi non al top (Allan e Koulibaly). Ribaltare la Juve, però, non è semplice come con la Fiorentina ed è per questo motivo che gli azzurri sono chiamati a tenere alta la guardia, evitando al minimo i pericoli al cospetto di una formazione che – se da un lato non ha ancora assorbito i nuovi dettami tattici – dall’altro può vantare una forza nei singoli impressionante. Con ogni probabilità non ci sarà Sarri in panchina, ancora alle prese con la riabilitazione dalla polmonite batterica di cui è stato vittima e, quindi, appuntamento rimandato al match di ritorno per ritrovare i suoi “vecchi” calciatori. Questo, però, non è più il Napoli “sarriano” ma di Re Carlo Ancelotti; il tecnico di Reggiolo sta plasmando la sua squadra ormai pronta ad assimilare la mentalità vincente che regala vittorie in serie. Torino sarà un grande banco di prova per la squadra, chiamata a dare un segnale perentorio al campionato ed al calcio italiano in toto; espugnare l’Allianz sarebbe una grande prova di forza per la squadra partenopea. A dirigere la sfida sarà Daniele Orsato di Schio; arbitro internazionale, ma anche il fischietto che ben ricordano i tifosi del Napoli. Era lui, infatti, ad arbitrare quell’Inter-Juve di due stagioni fa che, di fatto, regalò lo scudetto ai bianconeri. Conduzione che lasciò perplessi, con nerazzurri in 10 e Pjanic protagonista di colpi da Kung fu (calcione in petto a Brozovic) senza essere sanzionato. Non proprio la migliore delle designazioni in un momento storico dove la tensione è già alta. 
Capitolo mercato. Il Napoli, stancatosi di aspettare Icardi, ha chiuso per Fernando Llorente; lo spagnolo firmerà un biennale da 2,5 milioni a stagione – accordo chiuso nelle scorse settimane – e dovrebbe sottoporsi alle visite mediche nel week end. 
Ancelotti, al termine dell’allenamento, ha diramato la lista dei convocati. Ecco i 23, con tanto di prima chiamata per Lozano. 
Meret, Ospina, Karnezis, Di Lorenzo, Ghoulam, Hysaj, Koulibaly, Luperto, Maksimovic, Malcuit, Manolas, Mario Rui, Allan, Elmas, Fabian Ruiz, Gaetano, Zielinski, Verdi, Callejon, Insigne, Lozano, Mertens, Younes.
Detto del messicano, assente Arek Milik, non ancora al top dopo l’infortunio di inizio agosto, mentre è rimasto a casa anche Vlad Chiriches, possibile partente, al pari di Tonelli. Torna, invece, Malcuit, ormai recuperato dal problema accusato a fine luglio ed è partito con i compagni anche Hysaj, la cui cessione non sembra ancora essere stata formalizzata. 
Ancelotti dovrebbe optare per il 4-2-3-1 con Mertens unica punta supportata – come a Firenze – da Callejon, Fabian Ruiz ed Insigne. In mediana Zielinski ed Allan, mentre in difesa Manolas e Koulibaly (in settimana è diventato papà per la seconda volta) sono certi della titolarità davanti a Meret. Ballottaggi sulle fasce tra Maksimovic e Di Lorenzo a destra e Ghoulam-Mario a sinistra. 
In casa Juve, invece, possibile venga riproposta la stessa formazione di Parma; sarà 4-3-3 con Higuain favorito su Dybala come terminale offensivo con Ronaldo e Douglas Costa ai lati. In mediana Khedira, Pjanic e Matuidi mentre in difesa De Sciglio, Bonucci, Chiellini ed Alex Sandro davanti a Szczesny.  
Probabili formazioni 
Juventus (4-3-3): Szczesny; De Sciglio, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic, Matuidi; Douglas Costa, Higuain, Cristiano Ronaldo. 
Napoli (4-2-3-1): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Zielinski; Callejon, Fabian Ruiz, Insigne; Mertens. 

Giovanni Spinazzola 

30 Agosto 2019 21:32 - Ultimo aggiornamento: 30 Agosto 2019 21:32
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi