26 Gennaio 2022 - Aggiornato alle 12:06
SPORT
Napoli: "L'omaggio del Maradona al suo idolo" di Giovanni Spinazzola
01 Dicembre 2021 17:05 —

Domenica è stato il giorno del sonante 4-0 rifilato alla Lazio ma anche – e soprattutto – quello del grande omaggio a Diego Armando Maradona.

L’impianto a lui nominato ha indossato l’abito bello, quello delle grandissime occasioni ed ha risposto come meglio non avrebbe potuto.

C’era da omaggiare il più grande di tutti, il D10S, con la statua donata da Stefano Ceci, uno dei più grandi amici del Pibe de Oro.

Il piede sinistro placcato in oro, perché da lì sono nate le magie più belle, la statua imponente a bordo campo che ha accompagnato – e, perché no, trascinato – gli azzurri alla vittoria.

Nell’impianto partenopeo presente il capo della FIFA Gianni Infantino, il Presidente Ferlaino ed anche alcuni ex calciatori del Pibe de Oro.

Un giro di campo sentito ed emozionante, con il buio squarciato dalle luci dei cellulari, moderne candele per un rito commovente quanto doveroso.

I cori dei tifosi anno accompagnato il tutto, quelli dedicati a Diego, che l’hanno sostenuto durante i sette anni napoletani.

Lo stadio ma una città intera si sono strette attorno al suo simbolo, all’unico vero condottiero che la Napoli sportiva abbia mai avuto.

Una serata davvero bella, a cui hanno voluto partecipare anche alcuni tifosi del Boca giunti in città da Buenos Aires apposta.

È stato un tributo lungo quattro giorni, da giovedì 25 fino a domenica 28, più che doveroso, con la città diventata il centro del mondo maradoniano, come di fatto accade da quel 5 luglio ’84, l’anno 0 per gli azzurri, il Natale napoletano. 

01 Dicembre 2021 17:05 - Ultimo aggiornamento: 01 Dicembre 2021 17:05
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi