31 Gennaio 2023 - Aggiornato alle 04:59
CULTURA&SPETTACOLO

Napoli: La nuova tonaca di Dio (God’s new frock) di Jo Clifford al Teatro Elicantropo

01 Gennaio 2023 14:14 — Massimo Di Michele porta in scena il testo della drammaturga inglese, che, con caustica ironia, reintreccia l’atavica trama della storia più antica del mondo.

Perché la Storia e la Società c’insegnano a essere, inequivocabilmente, uomini oppure donne? Chi ha mai stabilito così nette distinzioni tra i sessi e cosa di più appropriato si applica a ciascuno di essi? È questo la domanda e il punto di partenza del monologo La nuova tonaca di Dio (God’s new frock) di Jo Clifford, che Massimo Di Michele, anche interprete, porta in scena, da giovedì 5 gennaio 2023 alle ore 21.00 (repliche fino a domenica 15), al Teatro Elicantropo di Napoli.

L’allestimento, presentato da Artisti Associati Centro di Produzione Teatrale, si avvale della traduzione di Lorenzo Stefano Borgotallo, con i costumi a cura di Alessandro Lai e la scrittura gestuale di Dario La Ferla.

L’autrice, con caustica ironia, re-intreccia l’atavica trama della storia più antica del mondo: la nascita del creato. Ma non è esattamente la Genesi che ci è stata raccontata tra gli incensi di una messa, piuttosto, la percezione confusa e surreale che Clifford da bambino ha del racconto biblico.

È il perplesso racconto di un Dio che, puntino solo e annoiato perso nel nulla cosmico, crea il mondo con fare da principiante, modellando un uomo dal fango, come fosse un piattino o una tazzina, e creando, poi, Eva, per alleviare la solitudine di Adamo.

Stabilisce, una volta cacciati i due dal giardino dell’Eden, che l'uomo dovrà lavorare la terra col sudore della fronte e la donna dovrà partorire con dolore. È la storia di come Dio voglia che l’essere umano sia maschio o femmina, e che tutto quello nel mezzo, invece, non esista.

E che buffo, agli occhi di un bambino, sentire questa stessa storia, che insegna agli uomini a fare gli uomini e alle donne a fare le donne, pronunciata da un prete in tonaca lunga, che sembra proprio una lunga sottoveste. Ma questa storia, in fin dei conti, non è tanto buffa.

La narrazione segue un percorso ascendente, che culmina nell'iconoclastica accusa a Dio. A ben guardare, la condanna sembra rivolgersi non tanto a Dio nella sua natura spirituale, ma alla visione di Dio che le religioni hanno ideato, alla natura secolare delle sue chiese che lo interpretano alla luce di logiche terrene e parziali. Le “tonache” di Dio che scambiano i propri pensieri per la voce del Signore.

Il testo, si chiude con una benedizione che non è tanto la fine di un percorso ma un richiamo al principio, prima che fosse corrotto dalle religioni storiche. Se esiste un peccato originale, esiste ancor prima una benedizione originale, che è lo spirito puro del Divino, dellEssere. Ma quanto questo divino è frutto delluomo stesso? L'opera di creazione in cui l’uomo è co-protagonista non è mai finita, ma continua ogni giorno.

 

01 Gennaio 2023 14:14 - Ultimo aggiornamento: 01 Gennaio 2023 14:14
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi