12 Dicembre 2019 - Aggiornato alle 15:32
CRONACA
Napoli: Primo giorno del nuovo servizio di ristorazione al Cardarelli e all'Asl Napoli 1 e subito arrivano le prime lamentele
01 Dicembre 2019 23:21 — Asl Napoli 1 Ciro Verdoliva «Pronti a vigilare sul rispetto del capitolato d’appalto, oggi è il primo giorno e la nostra attenzione è massima».

E' il primo giorno del nuovo servizio di ristorazione al Cardarelli e all'Asl Napoli1 e subito arrivano le prime lamentele sui social. Secondo alcuni, i pasti, già dal primo giorno, non sono stati consegnati ai pazienti come prevede il capitolato d'appalto. In particolare l'attenzione si è focalizzata sui materiali che parrebbe non siano biodegradabili. Alcuni hanno lamentato che i bicchieri monouso sono stati imbustati sfusi e, quindi, si presuppone toccati con le mani. Tra l'altro, ci è stato riferito che i pazienti hanno ricevuto le posate per i tre pasti tutte in un unica soluzione. Il latte con orzo è stato consegnato in un contenitore non idoneo al travaso nel bicchiere contenuto nella stessa busta e non imbustato e sigillato. Sulla confezione c'è scritto: "Consumare dopo due ore dalla consegna"  invece dell'obbligatorio "da consumarsi entro il e la data" per non lasciar dubbi che il prodotto possa essere già scaduto. Alla luce di queste considerazioni, il Direttore Generale della Asl Napoli 1 è intervenuto tempestivamente sul tema: "A decorrere da oggi è iniziato il nuovo “servizio di ristorazione a ridotto impatto ambientale”. E' interesse dell’ASL Napoli 1 Centro vigilare affinché venga rispettato quanto previsto dal capitolato d’appalto. Siamo sempre pronti a vigilare sul rispetto delle regole ed in relazione a presunte inadempienze, in particolare sul mancato uso di materiale “biodegradabile” come segnalato su alcuni profili Facebook, è opportuno ribadire che tutti  i responsabili hanno avuto - già  prima dell’inizio odierno - mandato dalla direzione generale dell’ASL Napoli 1 Centro di effettuare opportune e costanti verifiche sullo svolgimento del servizio, tenendo costantemente aggiornato il direttore di esecuzione del contratto e il responsabile unico del procedimento affinché possano valutare tempestivamente eventuali contestazioni alla ditta. A tutela del rispetto del contratto d’appalto l’ASL Napoli 1 Centro ha già implementato è attivato un’opportuna rete di controllo, così come previsto dalla normativa vigente".

01 Dicembre 2019 23:21 - Ultimo aggiornamento: 01 Dicembre 2019 23:21
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi