02 Marzo 2024 - Aggiornato alle 03:41
CRONACA

Caltanisetta: 19 arresti e sequestri per circa 800.000 euro su tutto il territorio nazionale

22 Dicembre 2023 10:06 —

La Procura di Caltanissetta, nell’ambito di un’ampia indagine che ha visto coinvolte diverse imprese, non solo locali ma anche dislocate sul territorio nazionale ha sottoposto a sequestro - a seguito di decisione del Tribunale del Riesame di Caltanissetta, che ha annullato il provvedimento di rigetto del GIP - beni per un totale di circa 760.000 euro, provento di una serie di reati tributari e violazioni alla disciplina giuslavoristica. La presumibile struttura organizzativa, oltre alle specifiche violazioni tributarie, è quella per cui le imprese appaltatrici dislocate sul territorio nazionale, utilizzando lo strumento negoziale del contratto di appalto di servizi stipulato con le imprese committenti, dissimulavano una illecita intermediazione di manodopera, non assumendo su di sé alcun rischio di impresa e al contempo assolvendo gli oneri tributari connessi al rapporto di lavoro tramite l’indebita opposizione in compensazione allo Stato di crediti inesistenti; mentre le imprese committenti, dalla operazione suddetta, presumibilmente traevano il vantaggio economico di eludere l’assolvimento degli oneri tributari connessi al rapporto di lavoro.

Veniva dunque portata alla luce una presumibile complessa e strutturata organizzazione operante sull’intero territorio nazionale e connessa con realtà imprenditoriali locali tramite rappresentanti di zona, i quali, agendo in nome e per conto della ditta appaltatrice, si occupavano della conclusione del contratto di lavoro con i singoli lavoratori - per come risulta dal contenuto delle dichiarazioni da questi ultimi rese – nonché della gestione della successiva fase amministrativa del rapporto di lavoro. La Sez. di P.G. della Guardia di Finanza, in esecuzione delle ordinanze del Tribunale del Riesame, ha quindi sottoposto a sequestro i conti correnti e alcuni beni immobili facenti capo alle imprese in oggetto o ai loro rappresentanti legali o di fatto, fino al raggiungimento dell’importo di 760.000 euro, corrispondente all’illecito arricchimento. Il Tribunale ha inoltre disposto l’applicazione, ritenendo i gravi indizi di colpevolezza esclusi invece dal gip, di 19 misure cautelari personali, tra cui il divieto di esercitare l’attività di impresa o l’attività professionale e l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, sospendendone l’efficacia sino alla definitività delle relative decisioni (e cioè, in mancanza di ricorso per Cassazione da parte degli interessati o di provvedimento della Cassazione stessa di rigetto dei detti eventuali ricorsi).
 

22 Dicembre 2023 10:06 - Ultimo aggiornamento: 22 Dicembre 2023 10:06
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi