18 Giugno 2024 - Aggiornato alle 23:11
CRONACA

Modena: Manodopera a tariffe inferiori, 11 imprenditori e un consulente indagati per reati fiscali. Sequestri per oltre 4 milioni di euro

05 Aprile 2023 14:56 —

Militari della Guardia di Finanza di Modena hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo fino a concorrenza della somma di oltre 4 milioni di euro emesso dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Modena nei confronti di 11 imprenditori e un consulente fiscale, indagati, a vario titolo, per le ipotesi di reato di emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, omesso versamento di IVA e ritenute, indebita compensazione con crediti inesistenti, falso ed esercizio senza autorizzazione dell'attività di intermediazione di manodopera.

Il provvedimento cautelare reale è stato emesso all'esito di una complessa attività d'indagine, coordinata dalla Procura e condotta dal Gruppo della Guardia di Finanza di Modena a partire dal mese di marzo 2021.

Nello specifico, è stata ricostruita l'operatività di una serie di imprese, di fatto amministrate - tramite prestanome - da una persona di origine cingalese, residente a Spilamberto (MO) che, con il concorso di un consulente fiscale, con studio in Castelfranco Emilia (MO), è accusata di avere posto in essere un articolato sistema fraudolento mediante il quale era possibile fornire manodopera a tariffe inferiori al prezzo di mercato, così alterando la libera e leale concorrenza.

In particolare le predette società, in assenza delle prescritte autorizzazioni, esercitavano da anni le attività di un ufficio di collocamento, con raccolta delle candidature di persone in cerca di occupazione sia da cittadini italiani, sia da extracomunitari, provenienti soprattutto dallo Sri Lanka.

Tramite contratti di appalto simulati, che mascheravano in realtà una mera somministrazione di manodopera, i lavoratori venivano impiegati in mansioni non specializzate presso aziende operanti principalmente nel distretto modenese della lavorazione delle carni, ma anche in società operanti neJia provincia di Bologna.

Il ricorso allo schema dell'appalto era funzionale a far ottenere indebiti vantaggi, sia all'appaltante che all'appaltatore, in modo da poter offrire la manodopera a prezzi particolarmente vantaggiosi solo grazie all'evasione fiscale e contributiva. Infatti, da un lato, il committente maturava un indebito credito IVA, che non avrebbe potuto conseguire alla luce delle reali prestazioni ricevute, e si sottraeva alle responsabilità giuslavoristiche, mentre, dall'altro, il fornitore della forza lavoro non procedeva a versare le imposte, le ritenute fiscali e i contributi previdenziali in quanto compensava detti debiti con crediti d'imposta inesistenti.

Attraverso l'analisi della documentazione acquisita e l'assunzione di informazioni dai lavoratori, svolta anche grazie alla collaborazione dei funzionari dell'Ispettorato Territoriale del Lavoro e dell'INPS di Modena, è stata ricostruita la posizione di impiego di centinaia di persone nel periodo dal 2016 al 2021, quantificando in oltre 4 milioni di euro il profitto dei reati contestati, corrispondente al valore delle imposte complessivamente evase.

05 Aprile 2023 14:56 - Ultimo aggiornamento: 05 Aprile 2023 14:56
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi