26 Febbraio 2024 - Aggiornato alle 19:18
SPORT

Napoli-Braga: 2-0. "Azzurri agli ottavi" di Giovanni Spinazzola

12 Dicembre 2023 23:57 —

Torna al successo il Napoli dopo tre sconfitte consecutive, infrange il tabù Maradona dove non vinceva da un bel po' di partite e soprattutto raggiunge gli ottavi di finale di Champions League rendendo felice il presidente De Laurentiis. Contro il Braga per centrare l’obbiettivo bastava anche pareggiare o addirittura perdere di una rete, ma quel che si voleva dalla squadra era una prova convincente nel gioco per tutta la durata dei novanta minuti. Bene, sarà stato la possibilità di poter contare su due risultati utili o la consistenza non certo trascendentale della squadra portoghese, fatto sta che ne è scaturita una partita giocata al piccolo trotto con delle fiammate che hanno scaldato spettatori e addetti ai lavori. Il Braga ha giocato con molto impegno sapendo che l’impresa per lei si presentava molto ardua ma sono apparsi evidenti i suoi limiti tecnici che hanno facilitato l’intenzione degli azzurri di centrare l’obbiettivo senza dannarsi più di tanto. Il guizzo nei minuti iniziali della squadra di Jorge con cui ha creato una pericolosa azione in area azzurra si è subito infranto dinanzi alla prima azione in velocità dei ragazzi di Mazzarri impostata, neanche a farlo apposta, da Politano. Il pallone che doveva giungere sui piedi di Osimhen veniva intercettato un po' goffamente da Saatci e s’infilava nonostante il disperato tentativo dell’estremo difensore portoghese. Da quel momento in poi a Di Lorenzo e compagni sarebbe bastato controllare la reazione avversaria per portare tranquillamente in porto il passaggio agli ottavi e così è stato. Gioco in campo melenso, lento con gli ospiti che si affannavano a rendere quanto meno dignitosa l’uscita dalla Champions e i padroni di casa ad avere in pugno la gara. L’obbiettivo degli azzurri diventava quello di creare occasioni per rendere ancor più brillante la serata ai suoi alfieri: Osimhen e Kvaratskhelia. Ebbene se il nigeriano faceva centro realizzando il raddoppio per il georgiano resta ancora il periodo grigio. Ha avuto una buona occasione nella seconda frazione di gioco per riscattare l’errore di Torino ma anche stavolta davanti al portiere si è fatto intercettare il tiro. Non è nelle condizioni fisiche ottimali e si vede sia nelle difficoltà a superare gli avversari sia sbagliando appoggi anche semplici. Per il resto c’è da registrare la miglior prestazione fatta registrare da Natan nel ruolo di esterno sinistro, attento sulla sua fascia a frenare il suo avversario realizzando il capolavoro nell’azione del raddoppio quando è partito un po' oltre il centrocampo ed in velocità è arrivato in area del Braga fornendo il prezioso pallone ad Osimhen. Un po' in ombra Lobotka che si è limitato a tenere in ordine il reparto centrale mentre più incisivo è stato Anguissa il cui unico difetto è stato quello di portare un po' troppo il pallone invece di darlo in velocità. Un'altra notizia da segnalare è la tenuta della difesa che è riuscita finalmente a tenere la porta inviolata. E’ vero che Meret nella prima frazione di gioco si è prodotto in un plastico volo per evitare il pareggio su una gran botta da fuori area di Horta e che a 10’ dalla fine è stato il palo esterno a impedire ad un altro fendente da fuori di superare Meret ma è altrettanto vero che la coppia Juan Jesus-Rrahmani si è rivelata insuperabile per gli attaccanti portoghesi. Tirando le somme un po' di serenità è riapparsa nel cielo della squadra che possa portare tonicità e la consapevolezza di ritrovare quella brillantezza che finora si è vista solo raramente.

12 Dicembre 2023 23:57 - Ultimo aggiornamento: 12 Dicembre 2023 23:57
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi