16 Aprile 2024 - Aggiornato alle 21:39
CULTURA&SPETTACOLO

Napoli: Blues Velvet di Maria Angela e Marianna Robustelli al Trianon Viviani

25 Febbraio 2024 11:56 — Da sabato 2 marzo. Atmosfere da club di Chicago già dal foyer del teatro per il pubblico, accoltoda una jam session degli artisti e trucco d’epoca a cura di una make-up artist.

Sarà il Teatro Trianon Viviani di Napoli a ospitare, sabato 2 marzo 2024 alle ore 21.00 (in replica domenica 3), il debutto di Blues Velvet dal sottotitolo as neapolitan jazz dream. uno spettacolo in valigia di Maria Angela e Marianna Robustelli, che porta in scena la storia emblematica e affascinante di Billie e Lola.

Presentato da Fondazione Teatro della Toscana - Teatro Nazionale, OTP Obeĉe Teatro Project, l’allestimento vedrà interpreti in scena Maria Angela Robustelli, che firma anche la regia, e Marianna Robustelli, con la direzione musicale di Salvatore Torregrossa al pianoforte, fisarmonica, ukulele, chitarra elettrica e kazoo, Nico Sommese ai fiati, Antonello Buonocore, al basso e contrabbasso, e Pasquale Ferraioli alle percussioni.

Blues Velvet nasce e prende forma dagli appunti annotati su un tovagliolo di carta, ad un tavolino dell’Andy’s Jazz Club di Chicago, durante un periodo di lavoro delle sorelle Robustelli nella metropoli statunitense.

Billie e Lola sono due sorelle nate nel sobborgo di Taylor Street a Chicago, figlie dell’emigrazione, cresciute ascoltando le interpretazioni e le storie della loro nonna Dolores (Maria Addolorata) che, orfana e ragazzina, nel 1929 fugge dalla miseria di un quartiere popolare di Napoli e attraversò l’oceano per arrivare in America, solo con la sua chitarra, tante canzoni e la voglia di cantare.

I ricordi di Dolores sono per le due ragazze l’unico legame con le loro radici culturali ed emotive, che alimenteranno il loro sogno di diventare due star e tornare a Napoli da dive.

Blues Velvet ci catapulta in un fumoso locale notturno, una cave napoletana come un club di Taylor Street a Chicago, in cui la melodia antica napoletana si fonde con i ritmi del jazz e la musica da ballo della comunità italo-americana del dopoguerra.

Era de Maggio diventa May is backPassione è Passion‘A vucchella è A pretty lovely kissUocchie c’ arraggiunate invece Black eyes e così via, passando per Maruzzella, fino ad arrivare ad una versione di Dove sta Zazà dal sapore più che nostalgico, una rivendicazione di una identità italiana provata dall’emigrazione e mai perduta.

I riflettori si accendono e le due cantanti italo-americane, in un italiano misto ad un inglese storpiato ed al napoletano, si esprimeranno in broccolino, una lingua di parlata dalla folta comunità di emigrati italiani negli States e racconteranno al pubblico, in questo slang divertente e immaginifico, la loro storia, i loro sogni e canteranno le loro canzoni.

25 Febbraio 2024 11:56 - Ultimo aggiornamento: 25 Febbraio 2024 11:56
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi