23 Maggio 2024 - Aggiornato alle 19:56
CRONACA

Napoli: Controlli della Polizia Locale in corso Arnaldo Lucci e via Toledo. Sequestrato autolavaggio in zona Arenaccia

08 Aprile 2024 11:26 —

Dopo alcuni esposti relativi alla zona di Corso Arnaldo Lucci, gli uomini della Polizia Locale di Napoli della U.O. Avvocata hanno condotto azioni mirate per ristabilire sicurezza e legalità nel territorio.

Durante i controlli, sono state esaminate 4 attività commerciali: un locale è stato sanzionato per occupazione abusiva di suolo pubblico, mancata esposizione dei prezzi e assenza di licenza per la vendita di alcolici; altri 2 locali sono stati multati per occupazione abusiva di suolo pubblico, mentre un quarto locale risultava conforme alle normative vigenti.

Per quanto riguarda il rispetto del codice della strada, sono stati controllati 15 veicoli e sono stati emessi 74 verbali, di cui 3 contestati. Sono stati inoltre verificati 2 ambulanti operanti in forma itinerante.

In via Toledo è stato eseguito un sequestro penale di 50 borse da donna contraffatte di note case di moda, con conseguente comunicazione all'Autorità Giudiziaria. Inoltre è stata comminata una sanzione a un operatore del commercio itinerante per la vendita non autorizzata di bevande alcoliche e superalcoliche a numerosi clienti. Infine sempre nei pressi di Via Toledo è stato sanzionato un noto supermercato per occupazione abusiva di suolo pubblico e per vendita di bevande esposte a luce del sole ed agenti atmosferici sottoponendo a sequestro circa 540 bottiglie.

Dopo alcuni reclami, gli agenti della Polizia Municipale U.O. San Lorenzo sono intervenuti in zona Arenaccia dove hanno effettuato il sequestro penale di un'area adibita a servizio di un autolavaggio.

Nonostante il titolare fosse autorizzato a svolgere l'attività all'interno del proprio locale, si è constatato che le operazioni di lavaggio avvenivano principalmente sulla pubblica via, ostacolando il normale flusso del traffico. Sono state riscontrate ripetute violazioni che già in epoca precedente erano state sanzionate con verbali amministrativi. Durante l'ispezione invece è emerso che l'attività di lavaggio era effettuata direttamente sulla strada, utilizzando varie attrezzature e occupando lo spazio pubblico con veicoli in attesa di lavaggio o di ritiro da parte dei clienti.

Inoltre, il titolare aveva effettuato lavori abusivi, tra cui la realizzazione di una rampa di accesso e la connessione non autorizzata agli impianti idrici esterni.

A seguito del mancato possesso della documentazione adeguata e delle ripetute violazioni, l'area esterna dell'attività è stata sequestrata penalmente. Il titolare è stato multato per varie infrazioni, tra cui l'occupazione abusiva del suolo pubblico e l'uso non autorizzato delle risorse idriche.

Sono stati avviati anche procedimenti per il recupero di somme dovute, con un ammontare totale delle sanzioni di circa 9.000 euro e ulteriori adempimenti per un recupero di canone unico patrimoniale stimato in circa 105.000 euro.

Al fine di ripristinare la sicurezza della strada, è stato richiesto l'intervento del servizio di pulizia per eliminare la schiuma e i residui oleosi dalla sede stradale. Inoltre, è stato programmato un sopralluogo congiunto con il Servizio Tecnico della Municipalità e personale dell'ABC per verificare la liceità degli allacci e la rimozione delle strutture abusive.

 

08 Aprile 2024 11:26 - Ultimo aggiornamento: 08 Aprile 2024 11:26
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi