25 Febbraio 2024 - Aggiornato alle 16:05
CRONACA

Napoli: Ischia e Pozzuoli, fratello e sorella in manette. Lei preferisce il carcere ai domiciliari

04 Febbraio 2024 10:53 —

E’ successo ad Ischia e Pozzuoli e i Carabinieri hanno dovuto far fronte anche a problemi di natura familiare.

Inizia tutto sull’isola verde dove i Carabinieri della locale compagnia sono impegnati in un servizio straordinario di controllo del territorio.

Saranno diverse le persone identificate e i veicoli controllati – specie nella zona degli sbarchi dei traghetti dei porti commerciali – con persone che sono state denunciate.

A Forio, ad esempio, i Carabinieri del nucleo radiomobile hanno denunciato un 17enne sorpreso a bordo di una e-bike denunciata rubata la notte precedente a Lacco Ameno. Denunciato anche un centauro 47enne trovato positivo all’alcol test con un tasso alcolemico pari a 2,23 g/l.

Ma torniamo agli arresti. Siamo nel porto di Casamicciola Terme e i militari del nucleo radiomobile fermano una 23enne di Pozzuoli. La ragazza è incensurata e dice di essere sull’isola per svago ma il suo atteggiamento e le sue risposte non convincono i Carabinieri.

Perquisita, viene trovata in possesso di 10 panetti di hashish per un peso complessivo di 1 chilo. La droga era nella borsa a tracolla. Il tempo della stesura degli atti e di informare l’Autorità giudiziaria e la ragazza viene trasferita nella sua abitazione flegrea in attesa del processo.

A Pozzuoli però, i Carabinieri della locale compagnia decidono di perquisire quell’appartamento perché al suo interno, oltre alla madre, c’è anche un’altra persona ed è nota alle forze dell’ordine. Si tratta del 20enne Antonio Orselli e sta scontando la misura degli arresti domiciliari. In casa viene rinvenuta e sequestrata una pistola semiautomatica “Beretta” calibro 7,65. L’arma, che sarà sottoposta agli accertamenti balistici per verificare un suo eventuale utilizzo in fatti di sangue o altri delitti, era nascosta nella macchina del caffè a cialde nel vano dove “normalmente” si mette la bottiglia con l’acqua. L’arrestato è in carcere.

La vicenda sembra essersi conclusa ma non passa molto tempo che i Carabinieri della stazione – arrivata sera – sentono suonare il citofono della caserma. Alla porta la ragazza 23enne che con la consapevolezza di essere evasa chiede “aiuto” ai Carabinieri.

“Io con mamma non ci posso proprio stare, non andiamo d’accordo. Portatemi in carcere!”. I Carabinieri, informata l’Autorità Giudiziaria delle incompatibilità caratteriali tra madre e figlia, terranno la donna nelle camere di sicurezza fino al giorno del processo.

04 Febbraio 2024 10:53 - Ultimo aggiornamento: 04 Febbraio 2024 10:53
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi