02 Marzo 2024 - Aggiornato alle 03:44
CRONACA

Napoli: Ischia, violenza privata e sequestro di persona aggravati dal metodo mafioso. 5 arresti

18 Gennaio 2024 14:01 —

La Polizia di Stato e il  Commissariato di P.S. “Ischia” hanno dato esecuzione ad un’ordinanza, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di cinque indagati: per due è stata disposta la custodia cautelare in carcere in quanto ritenuti gravemente indiziati dei reati di violenza privata e sequestro di persona, aggravati dal metodo mafioso; per gli altri tre è stato disposto l’obbligo di presentazione alla PG perché gravemente indiziati del reato di lesioni, aggravate dal metodo mafioso.

L’attività investigativa trae origine dalla denuncia presentata il 24.7.2022 da un dipendente di un bar sito sull’isola di Ischia, violentemente aggredito in pari data in quanto avrebbe espresso apprezzamenti nei confronti di una minore nipote di uno degli indagati.

La vittima ha denunciato, altresì, di aver ricevuto anche minacce (il giorno successivo all’aggressione) con le quali le è stato espressamente intimato di lasciare l’isola e non farvi più ritorno.

Ancora, in seguito, la persona offesa ha denunciato ulteriore episodio avvenuto nell’ottobre del 2022, allorquando due degli indagati si sono recati presso la sua abitazione e, dopo esservi entrati con violenza e minaccia, l’hanno costretta a rimanere per circa due ore in balia dei suoi aguzzini, continuando a minacciarla affinchè ritrattasse le precedenti denunce.

Le successive attività d’indagine, consistite nell’escussione dei testimoni e nell’analisi dei sistemi di videosorveglianza presenti nei luoghi ove sono avvenuti gli episodi delittuosi, hanno consentito di confermare quanto denunciato dalla vittima e di identificare gli odierni indagati.

Per tutti i reati è stata riconosciuta l’aggravante del metodo mafioso in quanto i fatti delittuosi sono stati commessi con le modalità tipicamente utilizzate da una consorteria mafiosa.

18 Gennaio 2024 14:01 - Ultimo aggiornamento: 18 Gennaio 2024 14:01
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi