23 Giugno 2024 - Aggiornato alle 07:03
SALUTE

Napoli: Ospedale del mare, entra in funzione il robot spinale. I chirurghi «Grazie a questa tecnologia è praticamente azzerato il rischio di imprevisti»

23 Settembre 2023 08:41 —

Tornare a camminare senza quel dolore che per sei lunghi anni ha reso ogni gesto quotidiano quasi impossibile.  È questo il risultato straordinario del primo intervento di chirurgia robotica vertebrale realizzato con successo  all’Ospedale del mare dall’equipe coordinata dal dottor Giuseppe Catapano (direttore della U.O.C. di  Neurochirurgia) e dal dottor Ciro Fittipaldi (direttore della U.O.C. di Anestesia e Rianimazione) che - per la  prima volta - hanno potuto avvalersi di un avveniristico robot spinale. Un macchinario che ha arricchito una  dotazione tecnologica già all’avanguardia. Grazie ad un’operazione durata poco più di 3 ore, “Luca” (nome di  fantasia per tutelarne la privacy) ha ritrovato la sua indipendenza e ora potrà condurre una vita del tutto  normale. Inutili, per lui, tutti i principali trattamenti conservativi, anni di tentativi che non avevano prodotto  alcun beneficio. «L’intervento era oramai la sola opzione possibile», spiegano Catapano e Fittipaldi. «Questo  robot è in grado di interfacciarsi con l’O-ARM, un sofisticato sistema di acquisizione di immagini già attivo  da alcuni anni nella nostra sala operatoria, e con il neuronavigatore. I vantaggi di una tecnologia così avanzata  nel campo della chirurgia vertebrale sono innumerevoli - proseguono -. Prima di tutto, consente di effettuare  un meticoloso planning preoperatorio, durante il quale vengono valutate tutte le possibili variabili  dell’intervento. In questo modo è possibile arrivare al piano chirurgico definitivo senza dover affrontare  imprevisti dell’ultimo momento ad intervento in corso». La tecnologia robotica consente inoltre di ridurre la  durata dell’intervento e di utilizzare approcci chirurgici meno invasivi con enormi benefici sulla degenza postoperatoria e, soprattutto, sul dolore post-chirurgico. «Anno dopo anno l’Ospedale del mare continua a crescere  e ad arricchirsi con tecnologie e professionalità all’avanguardia - sottolinea il direttore generale Ciro Verdoliva  -. L’obiettivo è quello di fare in modo che ogni presidio della nostra ASL abbia delle eccellenze e che nel  complesso l’offerta assistenziale sia sempre più efficace e completa». Per consentire l’impiego del robot e  portare a termine questo e i futuri interventi, tutto il personale della Neurochirurgia (medici, infermieri di sala  e tecnici di neuroradiologia) hanno dovuto completare un lungo periodo di formazione, culminato con un corso  intensivo effettuato in Belgio. In sala operatoria, oltre ai dottori Catapano e Fittipaldi, i neurochirurghi  Giuseppe Di Nuzzo e Roberto Granata, l’anestesista Daniele Sorrentino, gli infermieri Antonio Sommese,  Dario D’Andrea ed Ersilia Sorrentino e il tecnico di radiologia Gianluca Ilardo. A sole 48 ore dall’intervento  chirurgico “Luca” è stato dimesso ed è tornato a casa libero da quel dolore che per sei anni gli ha reso la vita impossibile. 

23 Settembre 2023 08:41 - Ultimo aggiornamento: 23 Settembre 2023 08:41
Altri contenuti
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi