04 Marzo 2024 - Aggiornato alle 04:03
CRONACA

Napoli: Pozzuoli, atti persecutori con l’aggravante del metodo mafioso nei confronti di un imprenditore. Carabinieri eseguono misura nei confronti di una persona

24 Gennaio 2024 09:18 —

La Compagnia Carabinieri di Pozzuoli ha eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalle persone offese, emessa dal GIP del Tribunale di Napoli, su richiesta della Procura della Repubblica di Napoli – Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di una persona, in quanto ritenuta gravemente indiziata del delitto di atti persecutori, reato aggravato dall’utilizzazione del “metodo mafioso” avendo evocato l’indagato il proprio rapporto di parentela con esponenti di rilievo dell’associazione camorristica denominata clan Longobardi – Beneduce, operante sul territorio di Pozzuoli.

L’indagato, dall’aprile 2022, avrebbe molestato reiteratamente un imprenditore locale e i suoi familiari, in modo da cagionare un perdurante e grave stato d’ansia e di paura, ovvero da ingenerare un fondato timore per l’incolumità propria o di un prossimo congiunto.

24 Gennaio 2024 09:18 - Ultimo aggiornamento: 24 Gennaio 2024 09:18
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi