29 Febbraio 2024 - Aggiornato alle 22:03
CRONACA

Napoli: Qualiano, accompagna il figliastro a scuola e pesta un collaboratore scolastico per il parcheggio. Poi gli lancia via il telefono e spinge un'impiegata per le scale

24 Gennaio 2024 11:46 —

Carabinieri denunciano 23enne. In casa anche uno storditore elettrico. Per il collaboratore scolastico di un istituto di Qualiano una mattina come tante altre.

Le lezioni stanno per iniziare, è in auto e a pochi metri dall’ingresso c’è un parcheggio disponibile. Attiva la freccia e fa per svoltare ma un’altra auto gli arriva alle spalle e s’infila al suo posto. Chiede spiegazioni ma l’automobilista non sembra interessato alle sue polemiche. Deve accompagnare il figliastro a scuola e non può perdere tempo.

Così le voci finiscono per alzarsi e il collaboratore scolastico viene pestato davanti agli occhi di decine di studenti, genitori e insegnanti.

L’automobilista, un 23enne di Villaricca e già noto alle forze dell’ordine, rientra in auto ma si accorge che la vittima, sanguinante, aveva avuto la forza di scattargli una foto con il cellulare. Così riscende dal veicolo, afferra il telefono e lo lancia nella vicina campagna.

Un’altra impiegata della scuola interviene ma il 23enne spinge anche lei, facendola cadere per le scale dell’istituto. Si dichiara carabiniere, ovviamente senza esserlo, lascia il figlio a scuola e va via. Come se nulla fosse accaduto.

I Carabinieri della stazione di Qualiano, quelli veri, ricevono una richiesta di aiuto e intervengono per ricostruire la vicenda. Identificano facilmente l’aggressore e lo raggiungono a casa. Gli sequestreranno un bastone telescopico di ferro, uno storditore elettrico, un coltello a scatto, una pistola ad aria compressa. Per lui una denuncia in stato di libertà. Dovrà rispondere di lesioni personali, rapina impropria, usurpazione di titolo e detenzione di oggetti atti ad offendere.

Per le due vittime il trasposto in ospedale e lesioni ritenute guaribili in 12 e 6 giorni.

24 Gennaio 2024 11:46 - Ultimo aggiornamento: 24 Gennaio 2024 11:46
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi