29 Febbraio 2024 - Aggiornato alle 22:41
CRONACA

Napoli: Santa Maria La Carità, tentano il "cavallo di ritorno" ma l'auto rubata è di un Carabiniere. Un 20enne arrestato e uno denunciato

06 Gennaio 2024 11:56 —

L’auto di un maresciallo dei Carabinieri è parcheggiata in strada, lungo via Cannavacciuolo. E’ lì da qualche ora, nel paese di Santa Maria la Carità dove il militare sta trascorrendo parte della licenza. Il veicolo rimane in sosta fino a ieri sera. Fino a quando qualcuno forza la portiera e la fa sparire.

Nell’auto nessun indizio che potesse far pensare ad un appartenente alle forze dell’ordine, quindi via libera per il “cavallo di ritorno”.

Un uomo contatta con insistenza il carabiniere, proponendo di sostenerlo nella ricerca e nel recupero del veicolo rubato. Una mediazione da pagare a caro prezzo, 1000 euro in contanti. Il maresciallo sta al gioco ma appena riaggancia si rivolge ai colleghi della compagnia di Castellammare di Stabia.

E’ così che i Carabinieri della stazione di Sant’Antonio Abate e quelli della sezione operativa e radiomobile pianificano una trappola. Il denaro è fotocopiato e piazzato in una busta chiusa. Decine di Carabinieri si posizionano discretamente attorno al luogo dell’incontro, la vittima del furto unica persona ad incontrare gli estorsori.

Nel momento dello scambio di denaro, scattano il piano e le manette. Arrestato per estorsione Antonio Vitiello, 20enne di Scafati già noto alle forze dell’ordine, denunciato per lo stesso reato il coetaneo che lo aveva accompagnato.

Vitiello è stato portato in carcere, in attesa di giudizio.

06 Gennaio 2024 11:56 - Ultimo aggiornamento: 06 Gennaio 2024 11:56
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi