25 Febbraio 2024 - Aggiornato alle 16:28
SPORT

Torino-Napoli: 3-0. "Fantasmi azzurri" di Giovanni Spinazzola

07 Gennaio 2024 18:32 —

Comincia malissimo il 2024 per il Napoli. All’Olimpico di Torino contro i granata gli azzurri hanno rimediato una pesante sconfitta in un turno che poteva essere letta come una base di rilancio per riavvicinare il quarto posto tanto più che le attuali dirette avversarie, Bologna e Fiorentina hanno frenato. Ed invece è stato un KO terrificante sia sul piano del gioco che su quello del risultato. E’ vero che il Napoli è sceso in campo ampiamente rimaneggiato. Agli infortunati Meret, Oliveira e Natan e agli indisponibili Osimehn e Anguissa impegnati con le rispettive Nazionali in Coppa d’Africa si è aggiunta anche, poco prima della partenza, l’indisposizione per una gastro-enterite di Ostigard rimasto a Napoli costringendo Mazzarri a scelte quasi obbligate con la novità del neo acquisto Mazzocchi in panchina, Raspadori al centro dell’attacco e Cajuste a centrocampo. Tuttavia è altrettanto vero che, escluso il norvegese, questo stato di cose perdurerà ancora per un bel po' di settimane e se il risultato è questo c’è davvero da pensare al peggio nei prossimi impegni. Fin dalle battute iniziali si è visto subito che gli azzurri, sotto la spinta dei pimpanti ragazzi di Juric, arrancavano con poche idee e velocità. Lobotka cercava di dare impulso alla manovra ma gli sono venuti a mancare sia Zielinski, evanescente, che Cajuste, lodevole sul piano dell’impegno ma lontanissimo dalla tecnica e dalle capacità del camerunense. In attacco assente Osimhen è venuto a mancare un punto di riferimento. Raspadori si è mosso in continuità ma quando usciva dall’area granata non c’è stato nessuno in grado di proporsi come terminale finale. Poteva inserirsi Kvaratskhelia, ma il georgiano non si è proprio visto in campo. Non è andato neanche una volta nell’uno contro uno sulla sua fascia, ha svariato da una parte all’altra del campo senza costrutto e senza incisività sicchè quando la squadra veniva avanti l’azione si fermava alle soglie dell’area granata perdendosi in passaggi laterali senza mettere in difficoltà la difesa avversaria. Quando poi si sono create le uniche due ghiotte occasioni, e si era ancora sul risultato di parità, l’attaccante azzurro le ha fallite la prima su un passaggio d’oro di Di Lorenzo e la seconda su imbeccata di Cajuste. In difesa pomeriggio nero anche per la coppia Rrahmani – Juan Jesus. I due hanno lasciato troppi spazi agli attaccanti granata. Sulla prima rete Sanabria ha sfruttato al meglio una punizione tirata da Ilic bruciando i due centrali azzurri e sulla terza Buongiorno ha sovrastato di testa il brasiliano, ma ormai è diventata, ahime, una spiacevole consuetudine. In precedenza c’è voluto un intervento di Lobotka in piena area a fermare Sanabria venutosi a trovare solo in area napoletana. Nella ripresa poi il naufragio. Mazzarri nell’intervallo sostituiva l’abulico Zielinski con il neo acquisto Mazzocchi e l’ex salernitano si è messo subito in evidenza sia nella buona che nella cattiva sorte. Una brillante discesa sulla fascia metteva in apprensione la difesa avversaria rinfocolando le speranze in un secondo tempo di tutt’altro tenore, ma dopo solo 4’ il ragazzino entra su un avversario a gamba tesa poco sopra il ginocchio. L’arbitro estrae il cartellino giallo ma viene richiamato dal Var. Consultazione con il mezzo tecnologico e il colore del cartellino diviene rosso. Sotto di una rete, per giunta in dieci uomini la partita del Napoli finiva inesorabilmente e i ragazzi di Juric ne approfittavano per rimpinguare il proprio bottino. Nuvole nere e tempesta sulla testa di questa squadra che ormai non riesce più a vincere e sinceramente non sappiamo se da questo mercato si può tirare fuori qualcosa di positivo. In tribuna c’era Antonio Conte ma vogliamo pensare che sia andato solo a vedere la partita forse con qualche pensiero al prossimo anno ma non vogliamo minimante pensare che possa subentrare in questo momento sulla panchina napoletana. Se accadesse sarebbe una beffa atroce per tutti in particolare modo per i tifosi che si vedrebbero presi letteralmente per i fondelli.

07 Gennaio 2024 18:32 - Ultimo aggiornamento: 07 Gennaio 2024 18:32
Commenti (0)


Per commentare questa notizia accedi all'applicazione o registrati se non hai ancora un account
Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito.
Navigando su questo sito accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiudi